-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 2 marzo 2018

La clamorosa decisione del modello di asset allocation


A Wall Street sono lontani i tempi in cui il presidente twittava tutti i giorni sul mercato azionario. Lo S&P cede più dell'un percento per la terza seduta di fila: non accadeva da gennaio 2016; e nel complesso è avvenuto soltanto tre volte nell'arco dell'intero bull market degli ultimi nove anni.
La circostanza produce un ulteriore deterioramento del sentiment degli investitori, con il Fear&Greed, calcolato da CNN Money, che precipita all'8%: un dato beneaugurante, in ottica contrarian, che ora dovrà essere necessariamente seguito da un dato convincente in termini di deflussi di liquidità da fondi ed ETF azionari.

Lo vedremo nel fine settimana.
Tornando alla successione di sedute così vistosamente negative, trattasi a ben vedere di fenomeno raro, con il mercato tuttora posizionato in bull market. Dal Dopoguerra si registra in tutto una diecina di rilevazioni, con lo S&P situato sopra la media mobile a 200 giorni; si sale a 15 casi, risalendo a tutto lo storico a disposizione.
Conforta rilevare il comportamento nei mesi successivi, come documentato nel Rapporto Giornaliero di oggi.
Ciò conferma come il sell-off degli ultimi giorni, atteso sulla base dei modelli previsionali proposti l'altroieri, sia destinato ad esaurirsi in tempi brevi, lasciando spazio ad un ripristino dell'uptrend.

Resta sullo sfondo la clamorosa decisione del nostro modello di asset allocation, che prima dell'inizio di questo mese ha operato una significativa variazione all'esposizione sul mercato azionario.
Piazza Affari nel frattempo ripiega, sebbene con moderazione. Gli investitori sono come paralizzati, in attesa dell'apertura dei seggi di domenica: dopotutto, se Spagna, Olanda e Germania hanno vissuto benissimo senza governi, perché noi dovremmo costituire una spiacevole eccezione? (risposta: perché non abbiamo seguito analogo percorso di riforme, e perché abbiamo una finanza pubblica più compromessa).
Reduce dalla sollecitazione di una resistenza di primaria rilevanza, l'All Share Italia, nella versione "total return", si colloca tuttora al di sopra della media mobile a 200 giorni.

Spartiacque decisivo al di sotto del quale verrebbe meno l'uptrend inaugurato a metà 2016: quando l'indice ripartiva, dopo aver testato la parete inferiore del canale ascendente storico.
Nota. Il presente commento è un estratto sintetico del Rapporto Giornaliero, pubblicato tutti i giorni entro le 8.20 da AGE Italia; pertanto eventuali riferimenti a studi tecnici vanno intesi riferiti ai grafici ivi riportati.
Autore: Gaetano Evangelista Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.