-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 1 marzo 2018

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento


Petrolio: chiusura in netto calo ieri per le quotazioni dell'oro nero scese del 2,17% a 61,64 dollari.
Giappone: nuova conclusione negativa per la piazza azionaria nipponica dove il Nikkei 225 ha terminato gli scambi a 21.724,47 punti, in ribasso dell'1,56%.
Wall Street: chiusura in rosso ieri per la piazza azionaria americana dove il Dow Jones e l'S&P500 sono scesi rispettivamente dell'1,5% e dell'1,11%, mentre il Nasdaq Composite si è fermato a 7.273,01 punti, in calo dello 0,78%.
Dati Macro ed Eventi Usa: saranno rese note le nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero salire da 222mila a 228mila unità.

Per i redditi personali di gennaio si prevede un rialzo dello 0,3% dopo lo 0,4% di dicembre, mentre le spese al consumo dovrebbero frenare dallo 0,4% allo 0,2% e l'indice PCE core salire dello 0,3% dopo lo 0,2% dell'ultimo mese del 2017.
Il dato finale dell'indice PMI manifatturiero di febbraio dovrebbe confermare la lettura preliminare a 55,5 punti, mentre l'indice ISM manifatturiero di febbraio è atteso in calo da 59,1 a 58,6 punti.
Le spese per costruzioni a gennaio dovrebbero mostrare una variazione positiva dello 0,2%, dopo lo 0,7% di dicembre.
Risultati trimestrali Usa: da segnalare i risultati degli ultimi tre mesi di Gap e di Best Buy con un eps atteso rispettivamente a 0,58 e a 2,03 dollari.
Dati Macro ed Eventi Europa: sarà diffuso il dato finale dell'indice PMI manifatturiero di febbraio che dovrebbe confermare la lettura preliminare a 58,5 punti, rispetto ai 59,6 punti del mese precedente.

Per il tasso di disoccupazione a gennaio si prevede un lieve calo dall'8,7% all'8,6%. 
Quest'ultimo dato in Italia dovrebbe rimanere invariato al 10,8% e sempre nel nostro Paese si conoscerà l'indice PMI manifatturiero di febbraio.
Quest'ultimo in Francia è atteso a 56,1 punti dai 58,4 punti di gennaio, mentre in Germania si prevede una conferma della lettura preliminare a 60,3 punti rispetto ai 61,1 punti della versione definitiva del primo mese dell'anno.
Sempre in terra tedesca si guarderà ai prezzi importo di gennaio che su base annua dovrebbero mostrare una variazione positiva dello 0,7% dopo l'1,1% di dicembre.
Da seguire in Francia l'asta dei titoli di Stato con scadenza nel 2026, 2028, 2041 e 2048 per un ammontare tra 7 e 8 miliardi di euro, mentre in Spagna saranno collocati titoli con scadenza nel 2021, 2022 e 2028 per un importo tra 3,5 e 4,5 miliardi di euro. 
Risultati societari a Piazza Affari: A2A diffonderà i dati preliminari del 2017, mentre Banca Generali quelli completi dello scorso anno.

Alla prova dei conti anche Amplifon, Banca Monte Paschi di Siena, Centrale del Latte d'Italia, D'Amico Int. Shipping, De Longhi, Mondo Tv, Tesmec, Zucchi e Saras, tenendo presente che quest'ultima presenterà anche il piano industriale 2018-2021.
Fca: da seguire il titolo in attesa dei dati sulle vendite di auto in Italia con riferimento al mese di febbraio.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.