-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 20 marzo 2018

Bond News: Euromacro


Diverse le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.
In Germania l'Ufficio di Statistica Destatis ha comunicato che nel mese di febbraio l'Indice dei Prezzi alla Produzione è diminuito dello 0,1% su base mensile risultando inferiore sia alle attese fissate su un incremento dello 0,1% che al +0,5% della rilevazione precedente.
Su base annuale il PPI e' cresciuto dell'1,8%, dal +2,1% della rilevazione precedente (consensus +2%). L'indice core che non considera i prezzi dell'energia è cresciuto dell'1,9% a febbraio rispetto allo stesso periodo del 2017 e dello 0,1% rispetto a un mese fa.
Prezzi alla Produzione in crescita in Gran Bretagna.

Nel mese di febbraio si è registrata una variazione nulla per l'indice dei prezzi in uscita, a fronte di attese pari allo 0,1%, dopo un incremento dello 0,1% a gennaio. Su base annua si evidenzia un incremento del 2,6% inferiore al 2,8% precedente (attese +2,7%). I prezzi alla produzione in entrata sono diminuiti dell'1,1% su base mensile dopo l'incremento dello 0,4% della rilevazione precedente (consensus -0,9%).
Su base annuale i prezzi in entrata sono cresciuti del 3,4% dopo l'incremento del 4,5% a gennaio (consensus +3,8%).
Nel Regno Unito l'Ufficio Nazionale di Statistica (ONS) ha reso noto che l'indice dei prezzi al consumo ha mostrato, nel mese di febbraio, una crescita dello 0,4% su base mensile, inferiore al consensus fissato su un incremento dello 0,5% ma in crescita dal -0,5% di gennaio.

Su base annuale l'inflazione e' cresciuta del 2,7% inferiore sia al +3% della rilevazione precedente che alle attese fissate su un indice del 2,8%. L'indice core ha registrato un incremento del 2,4% rispetto allo stesso periodo del 2017. L'indice dei prezzi al dettaglio (Retail Price Index) ha segnato un incremento del 3,6% su base annuale dal +4% della rilevazione precedente (consensus +3,7%).
L'ONS ha infine dichiarato che in dicembre i prezzi delle case sono saliti del 4,9% risultando inferiore sia alla rilevazione precedente pari a +5,2% che alle attese pari a +5,1%.
In Germania e' stato reso noto che l'indice Zew, che misura la fiducia degli investitori istituzionali in merito alle aspettative sull'economia del paese tedesco, è in drastico calo nel mese di marzo.

Il dato si è attestato a 5,1 punti dai 17,8 punti di febbraio a fronte di attese degli analisti pari a 13,1 punti.L'indice ZEW riferito alla fiducia sulle condizione attuali dell'economia del paese tedesco è sceso a 90,7 punti da 92,3 punti (consensus 90 punti).L'indice di fiducia relativo alle aspettative sull'economia di Eurolandia e' sceso a 13,4 punti dai 29,3 punti di febbraio risultando inferiore al consensus pari a 28,1 punti.
In Italia è stato reso noto che l'indice Zew che misura la fiducia sull'economia è peggiorato sensibilmente a marzo, scendendo di 20,7 punti a -5,4.Tra le singole voci, quella relativa alle condizioni attuali è scivolata di 10,5 punti a -18,7, quella sulle aspettative di inflazione è arretrata di 11,3 punti a 46,0.
Tilastokeskus, l'ente nazionale di statistica di Helsinki, ha comunicato che in febbraio il tasso di disoccupazione in Finlandia è calato all'8,6% dall'8,8% di gennaio (8,4% in dicembre). La lettura si confronta con il 9,2% del febbraio 2017. Il tasso di disoccupazione giovanile, per un'età compresa tra 15 e 24 anni, è invece cresciuto in febbraio al 21,1% dal 17,7% di gennaio (15,5% in dicembre).
Aste in Europa:
- Questa mattina la Germania ha collocato Schatz a due anni con scadenza marzo 2020 (ISIN: DE0001104719) per 3,240 miliardi di euro (oltre a 760 milioni riservati a operazioni di mercato secondario) con un rendimento negativo dello 0,59% dal -0,51% precedente.

Le richieste sono state pari a 1,4 volte il quantitativo offerto (dall'1,2 precedente).
Diminuiscono i depositi overnight presso la Bce. L'ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 658,869 miliardi di euro, dai 663,547 miliardi della lettura precedente.
Ancora a zero i prestiti marginali.
Spread BTP/Bund a 126 punti base nel pomeriggio. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta all'1,85%.
Deboli i titoli di Stato tedeschi. Il Bund future di giugno scende a 157,95 punti (-0,18%) ed il Bobl future si attesta a 130,63 punti (-0,06%).
(CC - www.ftaonline.com)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.