-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 19 marzo 2018

Bitcoin: l'ultima previsione parla di 91mila dollari per il 2020


Volatilità senza remore per la prima delle criptovalute, una volatilità che, alla fine, potrebbe giustificare anche previsioni estreme come quella di Tom Lee di Fundstrat Global Advisors, fondo di Wall Street storicamente rialzista sul bitcoin (BTC).
E quanto accaduto nel fine settimana sembra avergli dato ragione.

Il saliscendi del fine settimana

Dopo aver messo in pericolo la soglia dei 7mila dollari lambendo quota 7.200, il bitcoin ha continuato a salire pian piano arrivando ad un rally che gli ha permesso di riprendere 700 dollari in meno di tre ore.

Alle 12 di oggi, infatti, la prima delle criptovalute quotava 8.260 dollari, con un guadagno che superava il 7%, a conferma, appunto, di quanto anticipato da Lee il quale, dopo un calo del 70% dal massimo storico del dicembre 2017 non esita a considerare la moneta virtuale in una fase rialzista. Partendo da questa base, il gestore non ha esitato a parlare di una previsione che potrebbe spingere il bitcoin a 91mila dollari per il 2020.Semplificando il concetto, il principio base si concentra sull'effetto che ha la rete.

L'esempio più pratico è quello del fa: il primo apparecchio fax era privo di valore perché nessun altro lo utilizzava e quindi non aveva utilità. Ma una volta che ha iniziato a diffondersi, non solo ha acquistato un significato d'uso ma soprattutto un valore intrinseco dettato dalla necessità e dal fatto che era uno strumento di comunicazione.
In altre parole riecheggia quanto stabilito da Robert Metcalfe, l'ideatore delle reti Ethernet, (principio definito appunto Legge di Metcalfe) secondo cui "L'utilità e il valore di una rete sono proporzionali al quadrato del numero degli utenti". Ed è sempre la La legge di Metcalfe a spiegare anche la crescita del valore di mercato di aziende come Facebook, Alibaba e Google.

Per questo motivo è essenziale anche l'interesse degli investitori istituzionali, interesse che lo stratega si attende in aumento per i prossimi anni.

Bitcoin&Co

Intanto nelle ultime settimane le valute virtuali sono state al centro di una serie di notizie negative che ha messo sotto pressione l'intero sistema.
Primo fra tutti il fatto che Google abbia deciso di mettere al bando, come a suo tempo fece anche Facebook, gli annunci riguardanti le criptovalute, annuncio che è stato seguito da altri rumors che volevano Twitter indirizzato a prendere una decisione simile. Un crollo che ha portato il bitcoin a mettere a rischio la soglia dei 7mila dollari di valutazione, portando Thomas Lee di Fundstrat a dichiarare che così facendo si potrebbe creare il pericolo di un bitcoin troppo costoso per essere minato.

Almeno secondo le proiezioni da lui elaborate. Sebbene il costo dell'estrazione di bitcoin sia strettamente legato a quello energetico necessario per produrlo, e quindi variabile da nazione a nazione, secondo i dati elaborati da Fundstrat attualmente la stima di pareggio si aggira intorno $ 8,038. Il calcolo è basato su un modello di data mining sviluppato dal team di Lee e comprende tre fattori: il costo delle apparecchiature, quello dell'elettricità e di altri costi generali (il break-even di Fundstrat assume una media di 6 cent in tutto il mondo) e, infine, il mantenimento delle strutture di raffreddamento.

Ma, aggiungono, per essere competitivi con la Cina, sede della maggior parte delle società di mining, la media dovrebbe scendere a 4 centesimi.
Ma a prescindere da questo, il vento di tempesta che ha scosso il bitcoin e i suoi fratelli non sembra aver ridotto i guadagni registrati finora: numeri alla mano infatti, Bitcoin ha guadagnato il 2000% negli ultimi 12 mesi, Ethereum (ETH) è arrivata al 9.600% e Ripple (XRP) ha superato tutti con il suo 35.500% alla fine del 2017.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.