-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 2 febbraio 2018

Per Grayscale, Zcash oltre 62.000 dollari entro il 2025


Nel variegato mondo delle altcoin ecco arrivare un altro pronostico: secondo uno studio messo a punto da Grayscale Investments, il valore di Zcash (ZEC) potrebbe raggiungere oltre $ 62.000 entro il 2025.

Una certezza?

L'analista firmatario del report, Matthew Beck, ha sottolineato in un disclaimer che i prezzi sono “puramente ipotetici”.
Ciò non è stato sufficiente per impedire agli analisti di Grayscale di definire Zcash come un asset simile ad un conto bancario svizzero già in tasca. Il motivo? La valuta è stata assimilata, per potenziale di crescita, a Bitcoin (BTC) ed Ethereum Classic (ETC), con il vantaggio di avere un anonimato ancora più discreto verificando la validità della transazione senza rivelarne il contenuto.

A rafforzare la tesi di una particolare affidabilità, anche il fatto che nell'autunno del 2017 Zcash è stato la new entry di Bithumb, uno dei più grandi siti al mondo per il trading di criptovalute con sede in Corea del Sud, nonostante la nazione abbia da tempo fatto sapere le sue intenzioni di una stretta ulteriore delle norme che regolano il trading delle monete virtuali.

Bitcoin sotto gli 8mila dollari

Intanto, allargando la visuale alle criptovalute più forti, è da segnalare un evento storico: il valore del Bitcoin è sceso a meno di $ 8.000 per la prima volta in 11 settimane, arrivando a quota 7,882 dollari (dati Coinbase).

A zavorrare le quotazioni sono state una serie di cause tra cui, ultime in ordine di tempo, le parole del ministro delle finanze indiano Arun Jaitley che, nel timore di legami fra criminaltà, riciclaggio e uso delle criptomonete, ha confermato che "eliminerà" l'uso delle criptovalute in "attività illegittime".
Altri fattori critici sono l'estrema volatilità e le prossime nuove norme per la regolamentazione del settore. Ma anche in fase calante il Bitcoin resta per molti osservatori un affare per chi lo ha comprato un anno fa a nemmeno 1.000 dollari. Un ribasso che, a differenza del rialzo immotivato, ha radici concrete.

In primis la paura di una stretta non solo normativa, come accennato, ma anche fiscale. Il che spiega come mai si preferisca realizzare in moneta corrente invece che spostare su altre cripto. Tutto ciò si va ad aggiungere alla diffidenza di FB che ha vietato la pubblicità di cripto et similia mentre la Sec, l'agenzia di controllo statunitense, ha bloccato una Ico bancaria da 600 milioni di dollari. 

Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.