-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 8 gennaio 2018

Piazza Affari punta ai top del 2017: forse anche oltre?


Sulla scia della chiusura positiva di venerdì scorso, le Borse europee hanno continuato a muoversi lungo la via dei guadagni oggi. A fare eccezione è stato solo il Ftse100 che è sceso dello 0,36%, mentre il Cac40 e il Dax30 sono saliti rispettivamente dello 0,3% e dello 0,36%.

Ftse Mib: prossima fermata in area 23.000/23.100?

In luce verde anche la conclusione di Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato gli scambi a 22.845 punti, con un vantaggio dello 0,37%, dopo aver segnato un massimo a 22.898 e un minimo a 22.704 punti.


L'indice ha trovato sostegno in area 22.700 e ha allungato il passo in direzione dei 22.900 punti, avvicinandosi progressivamente ai massimi del 2017 segnati in area 23.000/23.100.
E' questo il prossimo target per il Ftse Mib e in caso di superamento dello stesso si apriranno ulteriori spazi di crescita verso i 23.500 punti in prima battuta e in seguito in direzione dell'importante ostacolo dei 24.000 punti, massimi di non poco rilievo che difficilmente saranno violati in prima battuta.


La mancata rottura dei 23.000/23.100 punti potrebbe favorire dei ripiegamenti che troveranno un primo sostegno in area 22.700 e un supporto successivo sulla soglia dei 22.500 punti.
Al di sotto di quest'area la discesa del Ftse Mib proseguirà verso i 22.200 punti prima e i 22.000 in un secondo momento, allontanando le possibilità di un recupero nell'immediato.
In caso di rottura di area 22.000 l'indice si muoverà verso i 21.850/21.800 e i 21.600/21.500, la cui tenuta sarà essenziale per evitare ulteriori approfondimenti ribassisti in direzione della soglia psicologica dei 21.000 punti.
La nostra view su Piazza Affari resta costruttiva e continuiamo a credere che il Ftse Mib possa approdare nell'immediato sui massimi del 2017, dove si andrà a misurare la forza in acquisto per capire se ci sarà spazio per ulteriori evoluzioni rialziste nel breve.

I market movers in America e in Europa

Per domani è previsto un solo dato macro in America e si tratta dell'indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa.

In calendario anche un discorso di Neel Kashkari, presidente della Fed di Minneapolis.
In Europa si conoscerà il tasso di disoccupazione che a novembre dovrebbe calare dall'8,8% all'8,7%. In Germania si conoscerà la produzione industriale di novembre che dovrebbe salire dell'1,8% dopo la flessione dell'1,4% precedente, mentre la bilancia commerciale a novembre dovrebbe mostrare un saldo positivo di 20,9 miliardi di euro, in crescita rispetto ai 19,9 miliardi di ottobre. 
Lo stesso dato in Francia dovrebbe evidenziare un deficit di 4,7 miliardi di euro, in miglioramento rispetto ai 5 miliardi del mese precedente.


Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.