-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 28 dicembre 2017

Torino, si rifiuta di lavorare a San Silvestro. Trasferita a 100 km di distanza

Dopo alcuni giorni di riposo, l’altra mattina la donna è tornata al lavoro nel punto vendita di Susa ma adesso teme altre ritorsioni. (Getty)
di Fabrizio Arnhold
Non vuole lavorare la domenica dell’ultimo dell’anno e l’azienda la trasferisce per una settimana a cento chilometri di distanza. Una dipendente del reparto ortofrutta dell’Eurospin di Susa, nel Torinese, ha fatto valere il suo vecchio contratto a tempo indeterminato che prevede il diritto a non lavorare nei giorni festivi. Il giorno dopo l’azienda la spedisce nella sede di Cuorgnè, nell’estremo lembo dell’Alta Canavese, praticamente a cento chilometri dalla sede abituale di lavoro.
La donna, 40 anni, con due figli piccoli e un marito disoccupato, si rifiuta e si presenta per lavorare nella solita sede di Susa. L’ispettore del discount però non vuole sentire ragioni: “Devi andare a Cuorgnè”. La 40enne ha una crisi d’ansiae sviene tra gli scaffali, in mezzo ai clienti attoniti. La diagnosi del Pronto soccorso parla di “stress da lavoro, riposo assoluto per una settimana”. La stessa dipendente l’anno scorso venne trasferita nel discount di Orbassano per essersi rifiutata di frequentare un corso a Verona.
Il sindacato protesta. La Cisl Fisascat ha organizzato un presidio ed è anche intervenuta l’assessore regionale alle Pari opportunità, Monica Cerutti che dichiara: “Credo che la lavoratrice di Susa sia ingiustamente oggetto di un atto di discriminazione. In situazioni analoghe la giustizia ha comunque dato ragione ai lavoratori. Sono però necessari interventi generali più che rincorrere i singoli casi”.
Dopo alcuni giorni di riposo, l’altra mattina la donna è tornata al lavoro nel punto vendita di Susa ma adesso teme altre ritorsioni. Il sindacato assicura che non abbasserà la guardia. “Non è la prima volta che questo marchio della grande distribuzione si comporta in maniera ostile con chi non vuole lavorare la domenica e ha tutti i diritti per farlo”, spiega Sabatino Basile, il referente torinese della Cisl Fisascat. “Il fascicolo di questa vicenda è già stato consegnato ai nostri avvocati, perché non finisce certo qui. Più volte ci siamo impegnati ad incontrare la dirigenza dell’azienda, ma non abbiamo mai avuto alcuna risposta”.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.