-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 4 dicembre 2017

Piazza Affari: una nave senza nocchiere. Chi prenderà il timone?


Nell'ultima seduta della scorsa settimana non c'è stato alcun segnale di ripresa per le Borse europee che, dopo il calo di giovedì, hanno continuato a perdere terreno anche prima del week-end. Il Ftse100 ha fronteggiato le vendite meglio degli altri con un ribasso contenuto dello 0,36%, mentre il Cac40 e il Dax30 sono scesi rispettivamente dell'1,04% e dell'1,25%.
Non diverso lo scenario se ci si sposta a Piazza Affari dove il Ftse Mib, dopo aver strappato un segno più nelle due sessioni precedenti, venerdì ha ceduto l'1,17%, fermandosi a 22.106 punti, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 22.409 e un minimo a 22.060 punti.
Negativo anche il bilancio settimanale, da ascrivere quasi interamente alla performance negativa dell'ultima giornata, visto che nelle ultime cinque sedute l'indice delle blue chips è sceso dell'1,38% rispetto al close del venerdì precedente.

Il Ftse Mib resta in trading range

Il Ftse Mib in avvio di settimana ha perso subito posizioni, allontanandosi dall'area dei 22.500 punti e scendendo fin sotto area 22.200, salvo poi avviare un recupero che nelle sedute successive lo ha visto spingersi anche oltre i 22.500 punti nell'intraday.

Da questo livello sono ripartite le vendite con un avvicinamento di area 22.000 in chiusura di settimana.
La settimana appena trascorsa è stata sostanzialmente speculare alla precedente, con la quale però ha avuto in comune il range di prezzi esplorato dall'indice, compreso sostanzialmente tra i 22.000 e i 22.500 punti.

Nelle ultime tre settimane il Ftse Mib si è mosso in questo intervallo, rimbalzando in corrispondenza della parte basse e indietreggiando al raggiungimento di quella alta, senza riuscire ad esprimere una precisa direzionalità.
Al momento non ci sono segnali negativi sul mercato e conferme in tal senso si hanno anche dando uno sguardo agli altri listini, tanto europei, quanto americani.

Se da una parte però il Ftse Mib non scende, dall'altra non riesce a salire, rendendo difficile qualsiasi previsione, visto che uno sviluppo direzionale si avrà solo con la rottura di uno due estremi segnalati prima.
Oltre i 22.500 punti l'indice andrà a testare i 22.800 punti, superati i quali approderà sui massimi dell'anno in area 23.000/23.100.
Molto positiva sarà la violazione anche di questo ostacolo, preludio ad una prosecuzione del rialzo verso i 23.500 punti prima e in seguito in direzione dell'importante soglia dei 24.000 punti.
Al ribasso con il cedimento dei 22.000/21.950 punti è probabile che la discesa non trovi un freno nel supporto dei 21.500 punti, con proiezioni successive verso i 21.300 e i 21.000 punti nella peggiore delle ipotesi.

Al di sotto dell'ultima soglia citata l'attenzione si sposterà sui 20.800 e i 20.500 punti, il raggiungimento dei quali appare poco probabile nel breve.

I market movers in America

Per la prima seduta della prossima settimana sul fronte macro usa si segnala solo il dato relativo agli ordini all'industria che ad ottobre dovrebbero evidenziare una variazione positiva dello 0,6%, in frenata rispetto al rialzo dell'1,4% precedente.

I dati macro e gli eventi in Europa

In Europa sarà diffuso l'indice dei prezzi alla produzione che ad ottobre è visto in positivo dello 0,4% rispetto allo 0,6% di settembre, mentre l'indice Sentix, con riferimento al mese in corso, dovrebbe scendere da 34 a 30,8 punti.


Da segnalare nel primo pomeriggio una riunione dell'Eurogruppo che sarà chiamato a scegliere il nuovo presidente.

I titoli da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari si segnala lo stacco del dividendo di Sias nella misura di 0,15 euro per azione.
In agenda un'assemblea degli azionisti di Unicredit per deliberare in merito all'incremento del numero degli amministratori, all'abolizione della soglia del diritto di voto, alla conversione delle azioni di risparmio in ordinarie e al trasferimento della sede sociale.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.