-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 11 dicembre 2017

L’USD storna i guadagni in vista settimana delle banche centrali

 
Settimana fitta di impegni per i banchieri centrali
By Arnaud Masset
Il dollaro USA ha chiuso solidamente la settimana scorsa, venerdì l’indice del dollaro ha testato l’area di resistenza a 96,16 (massimo 21 novembre). Ma pare che lunedì mattina che il biglietto verde abbia perso smalto. La Federal Reserve, che questa settimana terrà l’ultima riunione dell’anno, dovrebbe alzare gli oneri finanziari di 25 punti base. I partecipanti al mercato hanno già messo in conto la decisione. Da metà novembre il LIBOR a 3 mesi è salito dell’1,44%, un aumento di 20 punti base. Stando ai future sui Fed Fund, c’è una probabilità del 98% di un rialzo di 25 punti base.
Gli investitori si concentreranno quindi sulla previsione aggiornata per crescita economica e tassi d’interesse. Sulla base dell’ultima previsione, diffusa a settembre, i membri della Fed prevedono tre rialzi del tasso per il prossimo anno. Una revisione al ribasso invierebbe un messaggio molto docile agli investitori, che si tradurrebbe in un’ondata di vendite sull’USD. Negli ultimi mesi, i membri della Fed hanno evitato sistematicamente di assumere posizioni forti sulle prospettive di politica monetaria. Prevediamo che questo comportamento continuerà.
Ci sarà anche l’ultima riunione dell’anno della BCE (Toronto: BCE-PRA.TO - notizie) . Non ci aspettiamo granché da questo incontro, che sarà probabilmente un non-evento. L’attenzione sarà puntata sulla conferenza stampa di Draghi, che seguirà la decisione sul tasso, e sulle proiezioni aggiornate circa l’inflazione. Prevediamo che Draghi manterrà i suoi toni neutrali e cauti per evitare un rafforzamento dell’euro.
La scorsa settimana l’EUR/USD ha ceduto più dell’1%, con l’USD che si è rafforzato in modo diffuso. La moneta unica ha aperto la settimana con maggiore solidità e l’EUR/USD sta risalendo verso 1,18. Manteniamo la nostra visione rialzista di medio e lungo termine per la coppia, il primo obiettivo è il livello a 1,25.
I future fanno salire il prezzo di Bitcoin
By Yann Quelenn
Quello di ieri è stato un evento ampiamente atteso. Ora è possibile negoziare future sulla prima valuta digitale sulle piattaforme di CBOE e CME. Bitcoin sta diventando sempre più normale e ora i capitali intelligenti hanno tutti gli strumenti per entrare in gioco. Contrariamente alle attese di molti, il prezzo di Bitcoin non è crollato dopo l’introduzione del trading in future, anzi, è salito.
Il fine-settimana è stato però difficile per Bitcoin, con una volatilità molto marcata. Si teme che gli investitori istituzionali aprano posizioni corte in Bitcoin e che i future facciano aumentare artificialmente la disponibilità di Bitcoin, come sta succedendo per l’oro. Inoltre, è importante ricordare che il regolamento avverrà in contanti e non in Bitcoin. Crediamo fermamente che i future possano pesare sul prezzo di Bitcoin nel lungo termine. Ma il prezzo di Bitcoin non ha ancora raggiunto il suo culmine e nei prossimi due, tre anni potremmo vedere prezzi folli.
Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) breve termine continuerà a prevalere l’avidità, cosa che sta facendo salire il prezzo di Bitcoin. Parecchi investitori si stanno ancora buttando nella mischia. Il prezzo di Bitcoin è pronto a testare il livello a 17 mila dollari in tempi brevi.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.