-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 27 dicembre 2017

La stangata di gennaio: cosa aspettarsi

In arrivo rincari in bolletta (Getty)
di Fabrizio Arnhold
Con il nuovo anno è in arrivo un salasso per le tasche degli italiani. L’associazioneAdusbef ha calcolato che ogni famiglia dovrà sborsare 952 euro. Quasi mille euro in più per far fronte alle spese quotidiane, ossia il pagamento delle bollette, trasporti e servizi della banca, fino all’assicurazione della macchina. Nel computo dei rincari finisce l’energia elettrica che, inevitabilmente, sconterà l’abbandono del mercato tutelato.
Le bollette della luce sono destinate ad aumentare per 22 milioni di famiglie”, spiega Elio Lannutti, presidente Adusbef. L’aumento, tra l’altro, penalizza gli utenti con minori consumi, specie se residenti. Rincari anche per “il gas, pedaggi autostradali, assicurazioni e servizi bancari”. Non restano escluse dagli aumenti nemmeno i trasporti, servizi idrici e la tassa sui rifiuti. “Il nuovo anno è alle porte, ma a giudicare dei primi segnali sul fronte prezzi nulla di buono aspetta i consumatori italiani, che nel 2018 – continua Lannuti – subiranno la consueta stangata di prezzi e tariffe che toccherà quota 952 euro annui, per una famiglia media, con il traino verso l’alto di trasporti, alimentazione, Rc Auto, servizi bancari, Tari, prodotti per la casa, spese per la scuola, tariffe professionali”.
rincari finiranno per pesare maggiormente sui nuclei con già una ridotta capacità di spesa, deprimendo quindi i consumi. Ma peseranno anche sulle imprese, soprattutto piccole e medie. La bolletta energetica italiana resta la più cara d’Europa e ha un impatto significativo sulla competitività del Paese. Anche se il costo della materie prima non si alza, si registrano lo stesso aumenti in bolletta. Come mai? Colpa dei “fenomeni speculativi” che Lannutti vanno a braccetto con le “inefficienze di sistema”. Il tutto crea un danno ai consumatoriche, secondo l’associazione, non hanno a disposizione lo strumento della class action. L’unica buona notizia riguarda i maxiconguagli: con le nuove norme contenute in manovra, le compagnie di fornitura energetica non potranno richiedere conguagli per periodi superiori a due anni.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.