-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 20 dicembre 2017

I rifiuti da non buttare via

 
Anche tra gli industriali più costosi ci sono buone occasioni di investimento. Il comparto manifatturiero viaggia su valutazioni elevate e il segmento della gestione dei rifiuti, in particolare, mostra al momento un rapporto Prezzo/Fair value medio di 1,32.
Le quotazioni generose potrebbero scoraggiare l’investimento, ma facendo un attento stockpicking è possibile trovare titoli di qualità scambiati a prezzi convenienti.
Stericycle (NasdaqGS: SRCL - notizie) punta all'efficienza
Stericycle, ad esempio, è scontata del 35% rispetto al fair value di 105 dollari (report aggiornato al nove novembre 2017). Il gruppo statunitense offre servizi per la gestione dei rifiuti speciali per l’industria medica, farmaceutica e manifatturiera ed è riuscito a costruirsi una posizione di vantaggio competitivo all’interno del settore grazie ad elevate economie di scala. Stericyle è proprietaria infatti di 10 dei 50 inceneritori di materiale medico presenti negli Stati Uniti e offre un portafoglio di servizi accessori come la raccolta, il deposito, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti. A beneficio dell’azienda gioca anche la forte regolamentazione del comparto poiché il numero di inceneritori presenti sul territorio è deciso dai Governi Federali e le procedure di smaltimento devono rispettare parametri di sicurezza ambientale stabiliti a livello centrale.
“Il titolo ha pagato i deboli risultati del terzo trimestre (-0,8% nei ricavi rispetto allo scorso anno), sui quali hanno pesato i tre uragani che si sono abbattuti sulla costa statunitense e su Puerto Rico”, dice Barbara Noverini di Morningstar (NasdaqGS: MORN - notizie) . “Alla luce di questi dati il management ha abbassato le attese per fine esercizio, ma la reazione del mercato ci sembra spropositata (-8% negli ultimi tre mesi). Stericycle ha annunciato un piano di risanamento globale del business e una strategia per migliorare l’efficienza operativa. Nelle nostre previsioni abbiamo già incorporato le ipotesi di maggiori costi e minor guadagni nel breve periodo e questo ci ha portato a ridurre la stime del fair value da 110 a 105 dollari”.
Covanta, il peggio è alle spalle
Covanta è invece scontata del 10% rispetto al fair value di 18 dollari (report aggiornato al 29 ottobre 2017). “Il gruppo statunitense, operativo nella fornitura di un’ampia gamma di servizi di gestione dei rifiuti e nelle attività di incenerimento, sembra avere le carte in regola per creare valore per gli azionisti”, aggiunge Noverini.
“L’azienda ha appena concluso un difficile ciclo di rinnovi contrattuali e ora gli accordi pluriennali tra la sua centrale elettrica stipulati con le varie municipalità le garantiranno un flusso di liquidità costante nei prossimi anni. Inoltre, i recenti contratti per lo smaltimento di rifiuti speciali le permetteranno di generare margini di profitto più elevati rispetto allo smaltimento di quelli urbani”. Le previsioni degli analisti indicano una crescita media del fatturato del 4,5%, anche grazie all’espansione sui mercati europei, dove la regolamentazione è più favorevole, e una forte espansione del margine operativo che passerà dall’attuale 7% al 16% nel 2021.
Di Francesco Lavecchia

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.