-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 20 dicembre 2017

Fallacie mercantiliste: i dazi proteggono il lavoro e aiutano tutti gli americani



L'economista Walter Williams sottolinea quanto segue:

Nel suo discorso del 2012 il presidente Barack Obama diceva che "oltre 1,000 americani stanno lavorando oggi perché abbiamo fermato un incremento della produzione delle gomme cinesi". Secondo uno studio condotto dal Peterson Institute for International Economics (http://tinyurl.com/jdtbktu), tali restrizioni commerciali hanno costretto gli americani a pagare $1.1 miliardi in prezzi più alti per i pneumatici. Quindi, sebbene siano stati salvati 1,200 posti di lavoro nell'industria dei pneumatici statunitensi, il costo per lavoro salvato era di almeno $900,000 in quell'anno. Secondo il Bureau of Labor Statistics, lo stipendio medio annuo dei fabbricatori di pneumatici nel 2011 era di $40,070.

Ecco una domanda per coloro che sostengono le restrizioni commerciali in nome del salvataggio dei posti di lavoro: in quali tasche è finita la maggior parte dei $1.1 miliardi che gli americani hanno pagato in prezzi più elevati? Sicuramente non hanno raggiunto i lavoratori di pneumatici sotto forma di salari più alti. Secondo lo studio del Peterson Institute, "la maggior parte dei soldi finisce nelle casse delle società, in patria o all'estero, e non negli stipendi dei lavoratori americani. Le nostre stime indicano che meno del 5% dei costi al consumo per lavoro salvato ha raggiunto le tasche dei lavoratori americani." C'è un altro lato da considerare: quando le famiglie devono pagare prezzi più alti per i pneumatici, hanno meno soldi da spendere per altri elementi, come il cibo, l'abbigliamento e l'intrattenimento, riducendo così l'occupazione in quei settori.

Quelle società che intascano milioni di dollari prelevati dai consumatori per mezzo della violenza imposta dallo stato, non parlano mai di queste cose. Vogliono che la popolazione creda che i dazi rappresentino un vantaggio per i lavoratori. C'è qualche vantaggio marginale per lavoratori specifici nelle industrie protette. Ma se stiamo parlando di chi effettivamente trae beneficio dai dazi, non dobbiamo concentrarci sui lavoratori. Dobbiamo concentrarci sui datori di lavoro di una piccola manciata di lavoratori che traggono beneficio dai dazi.

La capacità di guardare oltre l'immediato è una capacità veramente notevole. È qualcosa che ho fatto notare nel mio libro, L'economia cristiana in una lezione (ebook in italiano a questo indirizzo). Prende spunto da un economista francese e uno statunitense: Frédéric Bastiat e Henry Hazlitt. Bastiat parlava di ciò che si vede e ciò che non si vede. In questo caso, il presidente Obama, o almeno lo scrittore del suo discorso, ha visto 1,000 posti di lavoro salvati grazie ai dazi sui pneumatici. Ma non ha visto i lavori perduti in quelle industrie che non hanno ricevuto ordini da parte dei consumatori americani, i quali hanno speso denaro che non avrebbero speso se non fosse stato approvato un dazio sui produttori di pneumatici.

Ci sono persone ingenue che credono che l'imposizione di una tassa sulle vendite di merci importate sia una buona cosa per loro e per l'economia in generale. Si oppongono alle imposte in ogni altra area, ma quando la tassa sulla vendita di merci importate viene chiamata dazio, ne sostengono l'imposizione.

Ogni volta che leggete che un politico è favorevole al salvataggio dei posti di lavoro mediante l'imposizione di una tassa sulla vendita di merci importate, tenete la mano sul portafoglio e la schiena contro il muro. Se questo politico persuade altri politici ad unirsi a lui, presto cercheranno di arrivare ai vostri soldi. Non vi diranno che questi soldi finiranno nelle tasche gonfie di magnati aziendali. Vi diranno invece che finiranno nelle tasche di lavoratori che altrimenti perderanno i loro posti di lavoro se i politici non ruberanno i vostri soldi. Pensano che sarete favorevoli se vi diranno queste cose. In altre parole, vi considerano dei polli.

Siete dei polli? Se credete che l'imposizione di tasse sulle vendite di merci importate salverà posti di lavoro o addirittura creerà posti di lavoro, allora sì, lo siete. Lo faranno a spese di quei clienti che saranno costretti a pagare di più e anche a spese dei lavoratori nel settore dell'export. Le esportazioni caleranno, perché gli stranieri non saranno in grado di guadagnare dollari vendendo merci agli americani. Hanno bisogno di dollari per comprare le merci, e non li avranno.

Volete veramente tasse sulle vendite più alte? Ci saranno se voterete un politico che sostiene la necessità dei dazi per proteggere i lavoratori. Quello che sta dicendo in realtà, è che i lavoratori da proteggere sono i dirigenti delle grandi imprese manifatturiere. Voi, come consumatori, sarete tenuti a pagare questi dirigenti, perché non potrete acquistare prodotti di qualità migliore che sono stati esportati da un paese straniero. Dovrete pagare di più per beni di minore qualità che vengono prodotti da produttori che non devono pagare la tassa sulle vendite.

Non dovremmo sorprenderci se i dirigenti delle grandi aziende favoriscono i dazi che sono imposti ai concorrenti al di fuori del Paese. Tutti amano le sovvenzioni del governo federale.

Non dovrebbe neanche sorprenderci se i dirigenti aziendali non pubblicano statistiche su dove finiscono i soldi dopo che vengono estorti ai consumatori.

Se i consumatori volessero pagare di più per i beni stranieri, sarebbe una loro prerogativa in una società libera. Se i consumatori volessero rimpolpare le tasche dei dirigenti delle grandi imprese manifatturiere, sarebbe certamente un loro diritto in quanto gente libera. Ma non credo che i consumatori vogliano farlo. Penso che i consumatori badino ai propri interessi, non agli interessi dei dirigenti delle grandi imprese manifatturiere. Datemi del cinico, se volete, ma questa è la mia opinione.

Se i consumatori volessero davvero sovvenzionare i dirigenti delle grandi aziende, non sarebbe necessaria l'imposizione di dazi. Ma i consumatori non sono disposti a farlo. Devono essere costretti dallo stato e quest'ultimo lo fa in nome della protezione dei lavoratori. Ma questi lavoratori non sono i principali beneficiari dei dazi. Lo sono, invece, i dirigenti delle grandi aziende.

Vi suggerisco di rifiutare di votare per persone che vogliono fornire un vantaggio ai dirigenti a spese dei consumatori. Voi siete consumatori, non dirigenti. Vi suggerisco di votare per il vostro interesse personale.

Ogni volta che lo stato interviene, ci sono vincitori e perdenti. Seguite i soldi.

Uno slogan popolare a favore dei dazi è questo: "I dazi proteggono la popolazione". È uno slogan accurato. La domanda è: "Quale parte della popolazione è protetta?" Un'altra domanda è: "Chi paga?"

In questo mondo non si ottiene qualcosa in cambio di niente. Se alcuni sono protetti, altri pagano per concedere loro questa protezione.

Chi sono i vincitori? Chi sono i perdenti?

I vincitori sono una percentuale relativamente piccola di lavoratori che producono merci a prezzi più alti con una qualità inferiore rispetto alle merci importate ed offerte ai consumatori. L'unico motivo per cui questi lavoratori hanno bisogno di protezione è perché non sono lavoratori efficienti.

Chi giudica l'efficienza? I consumatori. Il cuore del libero mercato è questo: le persone che spendono denaro hanno l'autorità finale sull'economia. Ciò significa i consumatori. Ogni tentativo da parte dello stato di intervenire nell'economia per aiutare gruppi con interessi speciali arriva sempre a scapito dei consumatori, che invece avrebbero comprato quello che i concorrenti offrivano, ma che non sono disposti o non sono in grado di acquistare a causa di qualche normativa statale.

Un dazio è un'imposta sulle vendite di merci importate. Pertanto l'imposta sulle vendite è discriminatoria. Non è pagata da tutti. È pagata da quei membri della forza lavoro che si trovano ad affrontare la concorrenza estera. Viene anche pagata dagli esportatori, perché gli acquirenti esteri non possono accedere alla moneta autoctona, visto che gli esportatori esteri non possono attrarre acquirenti con suddetta moneta autoctona. Quindi vengono danneggiati gli esportatori e gli importatori. Ciò significa anche che vengono danneggiati i consumatori.

I difensori dei dazi non capiscono l'economia. Sono davvero ignoranti da questo punto di vista. Non capiscono causa ed effetto in economia. Non capiscono come i consumatori vengano danneggiati dai dazi. Invocano queste imposizioni discriminatorie e lo fanno in nome della libertà. Lo fanno in nome della giustizia. Tuttavia la fiscalità discriminatoria è intrinsecamente ingiusta.

Tutti vogliono che qualcun altro paghi la tassa. Un dazio è un'imposta specifica sulle merci importate ed è un'imposta implicitamente relativa alle merci esportate. I difensori dei dazi non parlano mai del fatto che i dazi sono discriminatori nei confronti degli esportatori del proprio Paese. Sono intellettualmente incapaci di seguire anche un semplice argomento economico. Non riconoscono che quando i venditori esteri non possono vendere i propri prodotti alla nazione A, gli esportatori della nazione A non possono trovare molti acquirenti nella nazione B a causa del commercio limitato.

Questa è economia di base, lo è stata fin dal 1752 quando il filosofo scozzese, David Hume, scrisse il suo saggio sul commercio. Queste persone non sono tanto intelligenti. Non possono seguire la logica dell'economia di base. È sconfortante, ma la maggior parte delle persone non è tanto intelligente e tra coloro che sono abbastanza intelligenti da seguire un argomento economico, non hanno mai sentito parlare di questi temi.

Sto dicendo che tutti i sostenitori dei dazi sono ignoranti dal punto di vista economico? No, ma la maggior parte di loro lo è. Molti di loro sono semplicemente economisti assunti e pagati da sindacati e da produttori inefficienti. In altre parole, sono coloro che ci guadagnano. Promuovono idee negative perché sono ben pagati per fare quello che fanno.

La giustificazione dei dazi negli Stati Uniti si basava sull'impedimento costituzionale nei confronti del governo federale a tassare direttamente gli individui. Questa limitazione venne inserita nella Costituzione per quanto riguardava le tasse sul lusso, soprattutto la produzione di liquori e di sigarette. Venne inserita fin dall'inizio, poiché la maggior parte delle entrate proveniva dai dazi. Questa struttura fiscale ha protetto l'americano medio dall'intrusione nella sua vita da parte degli esattori fiscali. Questa era la giustificazione dietro ai dazi, ma è stata sempre sfruttata da interessi speciali, in particolare i produttori di zucchero. Ciò ebbe inizio nel 1790 e non è mai cambiato sin da allora.

Quando poi il governo federale se ne uscì con la monumentale menzogna rappresentata dal 16° emendamento, ciò gli permise di imporre una tassa sul reddito dei cittadini americani. Da quel momento in poi, i dazi persero la loro giustificazione costituzionale. Una volta che il governo federale ha messo le mani sul vostro conto bancario, i dazi sono diventati solo l'ennesima imposta discriminatoria -- una tassa che non offriva più vantaggi politici per la libertà. Il dazio è una tassa sulle persone ignoranti dal punto di vista economico che non riescono a seguire la logica economica e che pertanto chiedono una tassa nonostante il fatto che siano discriminati dalla stessa in quanto consumatori.

La grande maggioranza degli economisti concorda con la mia analisi economica. Questa era la posizione di Adam Smith nel 1776. Questa è la posizione degli economisti della Scuola di Chicago. È la posizione degli economisti della Scuola Austriaca. Il principale economista del ventesimo secolo che ha privilegato i dazi è stato John Maynard Keynes. Cambiò idea nel 1931 e divenne favorevole ai dazi.

La posizione anti-dazi non viene presa sul serio dalle persone che credono che il governo civile abbia veramente a cuore il loro interesse e che credono anche che possano essere protetti dal governo federale. Pagano cara la loro ignoranza economica e la loro ingenuità riguardo il Congresso e il governo federale in generale.

A meno che non si desideri stare al fianco di John Maynard Keynes, suggerisco di abbandonare l'idea che i dazi siano un beneficio per gli Stati Uniti, o per qualsiasi altro Paese, e che proteggano la maggior parte degli americani. I dazi proteggono gli americani inefficienti, ovvero, che non producono beni che soddisfano le esigenze dei consumatori americani. Ecco perché queste persone invitano il governo federale a proteggerle -- non contro gli esportatori esteri, ma piuttosto contro gli americani che vogliono fare affari con esportatori esteri. Trovano politicamente vantaggioso incolpare gli esportatori esteri, e ritengono che sia vantaggioso rimanere in silenzio mentre vengono derubati i loro colleghi americani che vorrebbero acquistare beni da esportatori esteri.


[*] traduzione di Francesco Simoncellihttp://francescosimoncelli.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.