-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 19 dicembre 2017

Borse: il rally proseguirà. Come e dove investire nel 2018

 
I mercati azionari internazionali si avviano ad archiviare un altro anno molto positivo che ha portato in diversi casi a segnare nuovi massimi storici, basti pensare a quanto sta accadendo agli indici americani, senza dimenticare però alcune performance di Borse più vicine a noi come quella tedesca.
Per Deusche AM il rally dell'azionario non è ancora finito
La crescita dei mercati pare destinata a proseguire anche nel prossimo anno, visto l'ottimismo diffuso che giunge da diverse banche d'affari. A guardare con fiducia al 2018 sono gli esperti di Deutsche Asset Management secondo cui il rally non è ancora finito visto che il prossimo potrebbe essere il nono anno di ripresa economica.
L'idea è che i mercati azionari e l'economia globale abbiano ancora margine per continuare a realizzare performance positive, ma il 2018 non sarà come il 2017 perchè le Borse dovrebbero generare rendimenti non più con una volatilità bassa come quella vista quest'anno.
In sintesi la view di Deutsche Asset Management è positiva, ma gli esperti raccomandano di essere vigili perchè nel 2018 si potrebbe anche assistere a liquidazioni improvvise delle posizioni di rischio.
Scenario favorevole per l'equity, ma occorre prudenza
Non diversa la posizione dei colleghi di Pictet Asset Management i quali segnalano che lo scenario generale è ancora favorevole per l'azionario, ma al contempo raccomandano prudenza viste le valutazioni raggiunte, con particolare riferimento all'indice S&P500.
Ci sono diversi fattori che inducono all'ottimismo quali la crescita globale sincronizzata, la timida ripresa dell'inflazione e l'andamento dei profitti societari, ma bisogna prestare attenzione al drenaggio di liquidità da parte delle Banche Centrali. La maggiore minaccia in questa direzione è rappresentata dall'inflazione che potrebbe risvegliarsi all'improvviso, costringendo le autorità monetarie a ricorrere ad un atteggiamento più aggressivo nel processo di normalizzazione delle loro politiche. 
JP Morgan punta sulle Borse UE: settori da preferire e da evitare
A puntare in particolare sulle Borse europee è JP Morgan che consiglia di sovrappesarle in portafoglio per il 2018. L'ottimismo della banca americana poggia sulla convinzione che la crescita economica nell'area euro proseguirà e che l'utile per azione delle aziende quotate registrerà un ulteriore miglioramento di circa il 10% il prossimo anno.
Se da una parte i multipli a cui scambiano le azioni del Vecchio Continente non sono bassi in termini assoluti, dall'altra appaiono ancora convenienti in termini relativi nei confronti del mercato dei bond e del credito.
A livello settoriale gli analisti di Jp Morgan consigliano di sovrappesare le banche e più in generale il comparto finanziario, ma anche le utilities. La view è invece più cauta sui titoli ciclici e sui tecnologici, mentre è negativa sui difensivi che secondo Jp Morgan sono da sottopesare.
Piazza Affari: un 2018 più complicato del 2017
Dando uno sguardo infine a Piazza Affari, Axa Investment Managers prevede che il 2018 sarà più complicato dell'anno che sta per concludersi, complice l'attesa riduzione delle politiche monetarie accomodanti.
Dopo un 2017 positivo, il mercato ripartirà da valutazioni più elevate e questo comporta che il potenziale di rialzi per le azioni italiane dipenderà principalmente dalla capacità delle società di aumentare gli utili.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.