-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 21 dicembre 2017

Bitcoin: troppi iscritti, le piattaforme vanno in tilt


Il Bitcoin cresce e con lui la mania di investire nella moneta virtuale, bolla o non bolla che sia. La conseguenza più ovvia, oltre all'aumento vertiginoso delle quotazioni che continuano a toccare nuovi record, non ultimo i 20mila dollari di qualche giorno fa, anche il tilt registrato su alcune piattaforme che trattano, appunto, Bitcoin.

Il caso

Come segnalato da La Stampa sembra essere sempre più difficile, se non impossibile, aprire un account in queste piattaforme, non solo ma a quanto pare le verifiche sull'utente sembrano essere diventate più stringenti.

Alla base di tutto anche l'interesse di media e investitori istituzionali, aumentato esponenzialmente con la quotazione dei contratti futures. Primo risultato: gli exchange, sono andati KO. Oltre ai tempi biblici di approvazione dell'iscrizione, si parla per alcuni addirittura di settimane se oltre all'iscrizione si contano i tempi per collegare il proprio conto online a quello della banca, cosa impensabile per chi fa trading, resta anche quello dell'accesso alla piattaforma stessa, molte di loro, infatti, risultano addirittura inagibili.

Il rischio maggiore: il cyberattacco

A questo si deve aggiungere anche il rischio di attacco informatico come quello subito, sempre secondo La Stampa, da Bitfinex, la principale per volume di transazioni, sotto attacco DDoS, una strategia usata per inondare il sito di richieste e bloccarlo.

Così, tra chi è offline e chi non permette nuove iscrizioni, si accoda anche chi allunga la lista dei documenti da presentare in fase di iscrizione: non più solo carta di identità ma anche un'eventuale bolletta a dimostrazione della propria residenza. Il tutto senza contare i ritardi sui bonifici.
Una serie di disagi e di disservizi che evidenzia la fragilità di tutto l'ecosistema delle criptovalute. A questo proposito è da segnalare quanto avvenuto ad uno dei più grossi exchange, Coinbase il quale, dopo aver annunciato la possibilità di scambiare anche il Bitcoin Cash (Bch), oltre al bitcoin vero e proprio (Btc), a Ethereum e al Litecoin ha dovuto registrare prima il crollo delle quotazioni del Btc, che in meno di 50 minuti è passato da 17.656,37 dollari a 15.577,74 dollari (proprio mentre il Bch è salito da 2.683,83 a 3,224,11 dollari) e successivamente l'interruzione delle contrattazioni sul Bch per motivi tecnici (proprio mentre sugli altri exchange la criptovaluta arrivava a 3.787,64 dollari).

E mentre in molti provano ad iscriversi in giro per il variegato mondo virtuale delle criptovalute, un exchange sudcoreano, Youbit, deve dichiarare bancarotta a causa di un cyberattacco.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.