-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 24 novembre 2017

Mediaset lavora su accordo con TIM e Vivendi. La view dei broker


Tra le blue chips più gettonate dagli acquisti a Piazza Affari oggi troviamo Mediaset che, dopo aver guadagnato quasi un punto percentuale ieri, si spinge in avanti quest'oggi ad un passo ancora più veloce. Il titolo, che ha già ritracciato dai massimi intraday segnati a 3,308 euro, negli ultimi minuti viene scambiato a 3,188 euro, con un rally del 3,64% e volumi di scambio molto vivaci, visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 17 milioni di azioni, quasi il triplo della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a poco più di 16 milioni di pezzi.

Trattative con Telecom per fornitura contenuti a TIM-Canal Plus

A scaldare le quotazioni del titolo sono le indicazioni riportate dalla stampa e in particolare dal Messaggero, secondo cui l'AD di Telecom Italia, Amos Genish, sarebbe a Milano per accelerare le trattative con Mediaset e Sky sulla fornitura di contenuti alla joint-venture TIM-Canal Plus.


L’accordo con TIM-Canal Plus prevederebbe un minimo garantito di circa 600 milioni di euro a Mediaset, spalmati in 6 anni per la fornitura di contenuti che vanno dallo sport, ai films, ai canali FTA per la piattaforma digitale.

Mediaset negozia con Vivendi indennizzo su Premium

Da alcune indiscrezioni si apprende inoltre che Mediaset starebbe poi negoziando con Vivendi un indennizzo per il mancato acquisto di Premium per ulteriori 700 milioni di euro ed infine, se nel breve termine il 19,1% di Vivendi dovrà essere conferito in un blind trust, con lo scorporo della rete si potrà procedere alla fusione Mediaset-Telecom Italia sotto il controllo di Vivendi per creare un operatore europeo dei contenuti.

La view di Equita SIM

Secondo gli analisti di Equita SIM, quello ipotizzato dal Messaggero sarebbe uno scenario molto positivo per Mediaset, perché prevederebbe in primis il risarcimento di circa 700 milioni di euro da parte di Vivendi, in linea con la stima della SIM milanese pari a 760 milioni di euro o 0,6 euro per azione.
Inoltre sarebbe previsto un flusso di ricavi di 100 milioni di euro annui dalla joint-venture TIM-Canal Plus, anche assumendo un margine del 50% e significherebbe un impatto del 15%-18% sugli utili 2018-19.
Infine, lo scenario ipotizzato dalla stampa prevederebbe il possibile appeal speculativo dall’integrazione nel medio termine con Telecom Italia.
Considerando le difficoltà nei rapporti con Vivendi, secondo gli analisti la visibilità su una integrazione Mediaset-TIM, pare oggi meno visibile, ma non si può escludere nel lungo termine.

In ogni caso, a detta della SIM milanese si tratterebbe dello scenario ideale per Mediaset, per il quale viene confermata una view cauta, con una raccomandazione "hold" e un prezzo obiettivo a 3,5 euro.

Le indicazioni di Bca Akros

A scommettere sul titolo è invece Banca Akros che consiglia di accumularlo in portafoglio, con un target price a 3,55 euro.
Gli analisti spiegano che la recente performance di Mediaset è stata guidata dal potenziale esito sull'accordo con Vivendi. 
Commentando invece le indiscrezioni di stampa, Banca Akros afferma che l'ipotesi di un contratto sui contenuti da 600 milioni di euro, offre ulteriori upside.

L'analisi di Mediobanca

Per Mediobanca Securities le ultime indicazioni di stampa sono in linea con quelle di qualche giorno fa.

Gli analisti spiegano che un accordo commerciale, una joint-venture e le integrazioni verticali, serviranno in futuro per affrontare la crescente concorrenza delle azioni che forniscono attraverso internet servizi e contenuti.
Un'eventuale intesa con Vivendi sarebbe molto positiva e solo in parte scontata dalla valutazione di Mediobanca che in caso di accordo vedono un potenziale di rialzo di 0,8 euro per azione rispetto al suo target price.  
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.