-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 7 novembre 2017

LIRA TURCA +1,5%. La Banca Centrale interviene a sostegno.

FATTO
Euro/Lira turca (4,45, -1,5%). La Lira turca si rafforza in rialzo e mette a segno il miglior recupero giornaliero contro Euro e Dollaro tra le valute emergenti. 

Stamattina la Banca Centrale turca ha rivisto le regole sulle riserve obbligatorie aumentando la liquidità in valuta estera a disposizione delle banche di circa 1,4 miliardi di dollari e ritirando contemporaneamente circa 5,3 miliardi di Lire turche dal mercato.

In ripresa anche i titoli governativi turchi. Il prezzo del decennale è salito, portando il rendimento in diminuzione di 30 punti base al 12,0%. La seduta si era aperta con un rendimento record del 12,30%.

La Banca Centrale ha anche specificato che i pagamenti dei crediti all'esportazione dovuti entro il primo febbraio 2018 potranno essere rimborsati direttamente in Lire Turche a un tasso di cambio Euro/Lira Turca di 4,30 (il 4% circa sotto il livello attuale).

L'istituto ha infine dichiarato che "i mercati hanno assistito a forti oscillazioni che non sono conformi ai fondamentali del Paese". 

Venerdì scorso si è chiusa la settima settimana consecutiva in flessione per la Lira turca (-2,6%), con il nuovo minimo storico (4,51). 

L'inflazione "core" ovvero al netto delle componenti più volatili, come alimentari e energia, è cresciuta in ottobre dell'11,8%, al ritmo più alto da oltre 13 anni, sottolineando che la Banca centrale turca si trova ad affrontare una sfida durissima per ridurre l'aumento dei costi verso l'obiettivo di medio termine fissato al 5%. 

Anche l'inflazione complessiva ha accelerato più del previsto, crescendo dell'11,9%, per effetto della debolezza della valuta e dei maggiori costi energetici. La stima degli economisti era a +11,5%.

EFFETTO
Graficamente, gli ultimi cinque trimestri si sono chiusi con una pesante svalutazione della moneta turca, come evidenzia il grafico sotto. 

Nel corso del terzo millennio non è mai successo che la Lira turca abbia inanellato più di 5 trimestri negativi di seguito, ma si rischia di battere il record negativo.

Cross Euro/Lira Turca


E' infatti a rischio di "sfondamento" la parte alta del canale ascendente posizionata in area 4,50. Oltre questo livello lo step successivo si sposta verso quota 5,0. 

Il movimento odierno potrebbe avviare quantomeno una fase di assestamento già tentata invano qualche seduta fa. 

Primi veri segnali di recupero della Lira Turca si registrano solo con il ritorno sotto 4,20.

Chi è alla ricerca di alti rendimenti per diversificare il Portafoglio Obbligazionario, ma non ama troppo l'esotico e vuole restare il più possibile vicino all'Europa, trova una risposta nel seguente:

Bond Collezione Tasso Fisso Lira Turca Opera VII emesso alla fine di settembre da Banca Imi. 

Il codice Isin è XS1685354901

La cedola annuale è 11%, la scadenza è 25 settembre 2019. Il taglio minimo è 5.000 lire turche, pari a circa 1.110 euro. 

Il bond è trattato sul Mercato Obbligazionario delle Obbligazioni di Borsa italiana, si acquista a un prezzo di 96,85. 
Rendimento annuo netto intorno al 10%. ll punto più delicato di questo investimento è evidentemente il cambio: un indebolimento della Lira turca ha come risultato una diminuzione del ritorno totale.

www.websim.it

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.