-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 3 novembre 2017

L'Angolo del Trader


Ferrari indietreggia dopo aver toccato ieri il nuovo massimo storico a 105,30 euro nei primi istanti dopo la pubblicazione dei dati del terzo trimestre 2017. I risultati sono stati positivi con ricavi a +6,7% a/a, adjusted EBITDA a +13% e utile netto adjusted a 141 milioni di euro (+24% a/a).
L'indebitamento industriale netto scende a 485 milioni di euro da 627 al 30 giugno. Il gruppo di Maranello ha anche migliorato le stime per l'intero esercizio 2017: i ricavi passano a 3,4 miliardi di euro (da oltre 3,3), l'adjusted EBITDA a circa 1 miliardo (da oltre 950 milioni), L'indebitamento industriale netto a meno di 500 milioni (da circa 500).

Proprio l'entità del miglioramento della guidance (inferiore alle attese) sembra essere stata la causa della brusca correzione del titolo. Il titolo ha innescato la retromarcia precipitando in direzione della linea che unisce i minimi di settembre e ottobre, a quota 98 circa. Dalla tenuta o meno di questo riferimento si potranno ricavare utili informazioni per comprendere l'evoluzione futura dei prezzi: sotto area 98 e alla violazione della media mobile a 50 giorni, in transito a 96,20 circa, si potrebbe infatti assistere a un'accelerazione al ribasso verso area 89/90, quota pari al 50% di ritracciamento del segmento rialzista partito a luglio.

Reazioni dai livelli attuali dovranno invece spingersi oltre 105,30 per dare nuova linfa all'uptrend per target a 110 circa.
Sale giovedi' Telecom Italia: ieri il governo ha deliberato l'utilizzo dei poteri speciali ("golden power") sulla rete, al fine di impedire a Vivendi, azionista di controllo di Telecom, di esercitare l'attivita' di direzione e coordinamento.
La società ha manifestato "la propria condivisione ed il proprio impegno" riguardo alle misure adottate dall'esecutivo. L'iniziativa potrebbe favorire l'operazione di scorporo della rete, ipotesi che il mercato ha dimostrato di gradire. A meta' ottobre l'esecutivo aveva disposto l'utilizzo dei poteri speciali su Sparkle e Telsy.

Il progetto di separazione della rete potrebbe venire ripreso dal governo che si formera' dopo le elezioni politiche del 2018. Mediobanca Securities conferma il giudizio positivo "outperform" e il target price a 1,34 euro per il titolo: secondo gli analisti lo spin-off della rete e la quotazione di tale asset sarebbero una soluzione interessante che consentirebbe a Telecom di fare cassa pur mantenendo il controllo.
I risultati del terzo trimestre 2017 verranno approvati dal Cda che si riunisce il 10 novembre. Telecom Italia ha toccato giovedi' un massimo intraday a 0,7715 euro dopo avere terminato la seduta precedente a 0,7515 euro. Il forte rimbalzo visto dal minimo del 27 ottobre a 0,7355 potrebbe proseguire.

Solo la rottura a 0,77/0,78 della trend line ribassista che parte dal top di agosto e della media mobile a 50 giorni lascerebbe pero' spazio ad una estensione del rialzo verso 0,807, media mobile a 100 giorni, poi fino a 0,82, sui massimi di settembre. Sotto 0,7355 probabile invece il ritorno a 0,667 euro, sui minimi di novembre 2016.
Seduta negativa ieri per Banca IFIS (-1,54% a 46,17 euro) che si è mossa in controtendenza rispetto al settore (l'indice Ftse Italia Banche ha terminato a +0,75%).

Secondo indiscrezioni di stampa, un fondo cinese si sarebbe frapposto tra la banca guidata dall'a.d. Giovanni Bossi e l'acquisizione di Farbanca, istituto dedicato al settore della farmacia e della sanità. I cinesi avrebbero presentato ai commissari liquidatori (Farbanca fa parte del gruppo BP Vicenza) un'offerta migliore rispetto a quella di Banca IFIS.
Quest'ultima sembra però restare in vantaggio grazie al favore con cui la Banca d'Italia guarderebbe all'ipotesi di ingresso di Farbanca nel gruppo IFIS. L'analisi del grafico di Banca IFIS evidenzia la solida tendenza ascendente di fondo, movimento che ha spinto il titolo a toccare, lo scorso 10 ottobre, il massimo storico a 49,67 euro.

Le quotazioni hanno successivamente corretto, ma senza inviare alcun concreto segnale di debolezza. Nuove indicazioni positive al superamento di 48, prologo a un attacco al massimo storico ed eventualmente alla riattivazione del trend rialzista verso area 53, lato alto del canale ascendente ipotizzabile da febbraio.
Lo scenario di medio periodo potrebbe cambiare solo in caso di discese sotto 42/43, ex resistenze statiche e lato basso del canale: appoggio successivo a 38,50 circa.
(SF - www.ftaonline.com)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.