-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 24 novembre 2017

In Europa resta indietro solo Londra. Milano sale con le banche


Il rientro agli scambi dopo la chiusura di ieri per festività è avvenuto all'insegna di un cauto ottimismo per la piazza azionaria nipponica. L'indice Nikkei 225 è salito dello 0,12%, al termine di una seduta vissuta in gran parte in territorio negativo, per via dell'indebolimento del dollaro nei confronti dello yen.
L'apprezzamento della valuta nipponica ha pesato sui titoli delle società maggiormente orientate all'export e in particolare sul settore automobilistico. 
In positivo le Borse europee che dopo un'apertura in leggero rialzo si mantengono lungo la via dei guadagni con il Dax30 e il Cac40 in ascesa rispettivamente dello 0,25% e dello 0,47%.

Diversa la situazione per il Ftse100 che scende dello 0,17% in vista dell'incontro odierno sulla Brexit tra il presidente del Consiglio UE, Task, e il premier britannico May,
L'unico dato macro diffuso oggi in Europa è stato l'indice IFO in Germania, per il quale la rilevazione di novembre è stata pari a 117,5 punti, in rialzo rispetto alla lettura precedente rivista verso l'alto da 116,7 a 116,8 punti.
Il dato ha battuto le previsioni degli analisti che si erano preparati ad una indicazione paria 116,7 punti.  
Avanza anche Piazza Affari che riesce a fare meglio degli altri mercati europei con il Ftse Mib in ascesa dello 0,68% in area 22.550 punti. 
A sostenere il mercato è la buona intonazione del settore bancario che beneficia del newsflow sugli Npl.

La stampa riferisce che il Parlamento europeo sta lavorando ad una bozza della nuova direttiva bancaria che sterilizza in automatico gli effetti contabili nei bilanci di maxi cessioni di crediti deteriorati.
Bper Banca e Banco vantano un rally rispettivamente del 5,81% e del 5,48%, mentre Ubi Banca sale del 4,18%, seguito da Unicredit e Intesa Sanpaolo che crescono dell'1,54% e dell'1,28%, lasciando al palo Mediobanca che mostra un frazionale rialzo dello 0,05%.
Scatto felino per Mediaset che corre del 6% sulla scia dei rumors che parlano di un'accelerazione del negoziato tra Telecom Italia e la società del Biscione per un accordo commerciale su TIM Vision.
Sale di quasi un punto e mezzo STM, mentre YNap mostra un progresso dello 0,86% dopo che Banca IMI ha migliorato il giudizio sul titolo da "hold" a "add", con un target price ridotto però da 35,2 a 32,3 euro. 
Nel lusso bene anche Luxottica con un vantaggio dello 0,84% dopo che la società ha siglato con l'Agenzia delle Entrate un accordo per il Patent Box, con un potenziale beneficio fiscale di 100 milioni di euro. 
Deboli i titoli oil con Saipem e Tenaris in calo dello 0,62% e dello 0,32%, diversamente da ENI che avanza dello 0,29%. 
Per oggi è atteso il ritorno agli scambi della piazza azionaria americana che però osserverà un orario ridotto rispetto al consueto, con una chiusura anticipata di tre ore. 
Sul fronte macro in agenda oggi il dato preliminare dell'indice PMI servizi di novembre che dovrebbe salire da 55,3 a 55,6 punti, mentre l'indice PMI manifatturiero è atteso in aumento da 54,6 a 54,8 punti.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.