-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 6 novembre 2017

Il whisky più costoso al mondo non è whisky autentico


Leggenda vuole che siano i cinesi, abili imitatori, a creare repliche più o meno veritiere delle grandi opere e dei grandi marche. Il made in Italy ne è una vittima.

Il caso

Ma a volte, per una sorta di regola del contrappasso, anche i cinesi possono essere vittime di frodi.
Era l'inizio di agosto e la notizia destò più di una curosità: a St. Moritz un milionario cinese aveva comprato per 8.500 euro (9999 franchi) una bottiglia di whisky. Bottiglia la cui forma aveva lasciato qualche dubbio agli esperti in materia. Sì, perchè gli intenditori sanno che, così come per le grandi opere d'arte, la veridicità viene anche dalla materia che la compone, in questo caso dalla bottiglia che lo contiene.

A chiederne la verifica è stato l'hotel Waldhaus Am See di St Moritz il cui bar, il Devil’s Place lo aveva catalogato come un Macallan Millésimé del 1878 vendendolo al 36enne Zhang Wei, scrittore famoso in Cina ma a quanto pare non esperto di whisky.

Il "lieto" fine

Anche per questo motivo si potrebbe giustificare la cifra da molti considerata già di per sè alta per l'originale e ovviamente sproporzionata vista la frode che si è scoperta successivamente.

Ma giustificherebbe anche il fatto che, in realtà l'acquirente ha da subito apprezzato il sapore del whisky in questione, un distillato che, secondo le analisi del laboratorio specializzato Rare Whisky 101 non doveva essere stato creato prima del 1970, a differenza del Macallan originale che risalirebbe, invece, al 1878, imbottigliato nel 1905, dopo essere rimasto in botte circa 27 anni.
Immediato il rimborso da parte del direttore dell'albergo, Sandro Bernasconi, per Zhang Wei.


Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.