-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 30 novembre 2017

I mercati chiuderanno l'anno sui massimi: i titoli da cavalcare

 
Di (KSE: 003160.KS - notizie) seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Angelo Ciavarella, Head of Global Markets, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.
La scorsa settimana aveva parlato di una view positiva su Piazza Affari dove il Ftse Mib oggi sta provando nuovamente a violare i 22.500 punti. Sarà la volta buona?
Sembra che questa sarà la volta buona per una rottura dei 22.500 punti da parte del Ftse Mib e a mio avviso è strano il fatto che ieri pomeriggio con Wall Street che saliva il Dax30 veniva mantenuto su livelli bassi intorno ai 13.000 punti. 
Questa mattina gli indici hanno aperto cauti per poi imboccare la via dei guadagni e credo che il Ftse Mib ora possa rompere finalmente i 22.500 punti per poi spingersi verso i 22.700/22.800 punti, con un ritorno sui massimi dell'anno in area 23.00/23.100 in chiusura del 2017. 
Non dovremmo andare molto oltre nel breve anche perchè manca poco alla fine dell'anno e sono poche le settimane effettive di Borsa. Non mi sembra in ogni caso che ci siano pericoli al ribasso ora e di sicuro non spaventa la flessione accusata ieri dal Nasdaq (Francoforte: 813516 - notizie) . 
Di fatto Wall Street non scende mai e anche le rinnovate tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Corea del Nord vengono sostanzialmente ignorate. Per la fine dell'anno è difficile che i mercati azionari scendano e mi aspetto piuttosto una chiusura sui massimi. 
Tra i bancari oggi Banco BPM, Bper Banca e Ubi Banca (Amsterdam: UF8.AS - notizie) conquistano le prime posizioni nel paniere del Ftse Mib. Qual è il suo giudizio su questi titoli?
Banco BPM di recente è stato penalizzato dalle vendite, con una discesa da 3,5 a 2,6 euro che lo ha portato a perdere circa il 30% questo mese. Il titolo a mio avviso resta un buon buy e vedo la possibilità di un ritorno in area 3,1/3,15 euro. 
Simile il discorso per Bper Banca che appare però leggermente più nervoso di Banco BPM. Con conferme al di sopra dei 4,5 euro avremo un primo target nell'immediato a 4,7/4,8 euro, con successivi allunghi in direzione dei 5,2 euro. 
Ubi Banca si è appoggiato sul canale in area 3,7/3,8 euro, segnando in particolare un doppio minimo a 3,7 euro. Il titolo potrebbe riportarsi sui massimi dell'anno in area 4,5 euro, per cui si può valutare un acquisto sui livelli attuali, avendo cura di fissare uno stop loss sotto i 3,75 euro. 
STM (Shenzhen: 000892.SZ - notizie) prova a risalire la china dopo il pesante crollo della vigilia. Consiglierebbe di acquistare il titolo ora?
Ieri sono stati venduti un po' tutti i titoli del settore high-tech, anche in America dove non a caso il Nasdaq Composite ha performato peggio degli altri listini. 
STM ai prezzi attuali non mi piace e prima di intervenire aspetterei ancora, valutando l'apertura di posizioni long non prima del raggiungimento di area 18,5/18,2 euro. 
Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) settore del risparmio gestito sta performando bene FinecoBank (MDD: FBK.MDD - notizie) , mentre è rimasto un po' al palo Azimut (Milano: AZM.MI - notizie) . Quali strategie ci può suggerire per questi due titoli?
Azimut è stato colpito dalle vendite e dopo si è fermato, tanto che non mostra particolari reazioni ora e anzi oggi scende in controtendenza rispetto al mercato. Il titolo si è allontanato abbastanza dai massimi ed è arrivato a segnare un minimo a 15,4 euro da cui sta provando a reagire, ma non mi piace affatto la figura che sta realizzando, nè il fatto che Azimut rimanga debole in un mercato che sale. 
Nel breve solo sopra area 17,2/17,3 euro si potrà valutare un acquisto con target a 19 euro, mentre sarebbe da shortare sotto i 15,5 euro con obiettivo a 14,5/14 euro. 
Diverso il discorso per FinecoBank che ormai sembra solo salire, sostenuto anche dalla buona performance della raccolta realizzata dai promotori finanziari del gruppo. Il titolo è da comprare, ma trovandosi sui massimi storici non è facile individuare dei target, sebbene penso che si possano andare a vedere i 9 euro nel breve. 
Qual è il suo giudizio su Mediaset (Londra: 0NE1.L - notizie) in attesa di novità su un accordo con Vivendi (Londra: 0IIF.L - notizie) ?
Mediaset dopo aver registrato un ribasso piuttosto accentuato, nel mese in corso è riuscito a recuperare terreno passando da 2,8 a 3,2 euro. L'area dei 3,2 euro è senza dubbio importante e con una rottura confermata di questa soglia si potrà acquistare il titolo, con stop sotto i 3 euro e target a 3,6 euro. 

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.