-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 20 novembre 2017

Enel: gli analisti commentano il potenziale interesse per Innogy


La prima seduta della settimana prosegue in lieve rialzo per Enel che, dopo aver ceduto un punto e mezzo percentuale venerdì scorso, ha anche provato a recuperare terreno, salvo poi tornare sui suoi passi e mostrare un andamento altalenante. Il titolo, dopo aver segnato un massimo intraday a 5,25 euro, si è mosso a passo di gambero ed è sceso anche al di sotto della parità, per poi risalire la china e presentarsi negli ultimi minuti a 5,23 euro, con un rialzo dello 0,29% e oltre 18 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, rispetto alla media giornaliera degli ultimi tre mesi pari ad oltre 23 milioni di pezzi.

Domani il Capital Market Day di Enel

L'attenzione su Enel resta alta in vista dell'appuntamento di domani quando la società sarà impegnata a Londra nel Capital Market Day.

In tale occasione il colosso elettrico alzerà il velo su piano industriale aggiornato al 2020 che secondo il mercato sarà incentrato su alcuni temi chiave quali le reti, il digitale e le rinnovabili.

Enel interessata ad Innogy?

Ad Enel però quest'oggi si guarda anche sulla scia dei rumors riportati da Reuters con riferimento al possibile coinvolgimento di Enel, o Endesa nello specifico, sulla potenziale cessione di INNOGY, veicolo di RWE che controlla il rinnovabile, le reti e i clienti di gruppo spinoffato negli anni scorsi.
Secondo quanto riportato, RWE, che controlla il 77,8% di INNOGY) non ha bisogno di cedere la partecipazione considerati i dividendi percepiti, ma starebbe guardando comunque ad opzioni per cedere parte o tutta INNOGY.

Stanto sempre alle indicazioni di Reuters, anche ENEL sarebbe stata sondata per valutare un’operazione, che non è confermata da RWE.
ENEL avrebbe confermato di aver ricevuto proposte da alcune banche di investimento, ma che si tratterebbe di operazioni di routine e che il deal verrebbe valutato come tutti quelli ricevuti dalla societa.
Secondo i rumors una eventuale operazione potrebbe coinvolgere Endesa, che ha pochissimo debito, e un’operazione in cash e carta.

Il commento di Equita SIM

Secondo gli analisti di Equita SIM, se le indiscrezioni di stampa venissero confermate, si tratterebbe di un deciso cambio di strategia da parte dell'AD Starace che recentemente ha escluso in maniera categorica operazioni di M&A di taglia rilevante giudicandoli come distruttivi di valore.
A detta della SIM milanese INNOGY in realtà avrebbe un buon fit per Enel, considerato i 3,7GW di capacità rinnovabile, incluso l’off-shore di cui Enel è sprovvista), l’esposizione alle reti e ai clienti.

Alla luce di ciò un’operazione potrebbe avere un buon senso industriale, a seconda del prezzo e del perimetro ovviamente). 
Gli analisti di Equita SIM si attendono chiarimenti domani in occasione della presentazione del piano strategico di Enel. Intanto la view sul titolo resta "bullish", con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 5,65 euro.

La view di Bca IMI

A puntare sul titolo è anche Banca IMI che consiglia di aggiungerlo in portafoglio, con un target price a 5,7 euro.

Parlando del potenziale interesse di Enel per Innogy, gli analisti affermano che questa acquisizione può adattarsi alla strategia del gruppo italiano, pur ricordando che il management di quest'ultimo ha spesso ribadito di non essere interessato ad acquisizioni di grandi dimensioni.
Banca IMI ha comunque simulato che qualora Enel dovesse acquisire il 30% di Innogy all'attuale capitalizzazione di mercato, l'operazione potrebbe portare ad un incremento dell'utile per azione di circa il 6%, con un multiplo implicito enterprise value/Ebitda di circa 8,5 volte, sulla base dei dati 2017. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.