-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 6 novembre 2017

Borse deboli dopo dati macro fiacchi. Banche in rosso a Milano


La prima seduta della nuova settimana si è conclusa senza infamia e senza lode per la piazza azionaria giapponese che ha strappato un piccolo segno più. L'indice Nikkei 225 è salito dello 0,04%, mantenendosi sui massimi degli ultimo 21 anni, senza registrare variazioni di rilievo, in linea con l'andamento piatto del cambio dollaro-yen, stabile poco oltre quota 114. 
La cautela del mercato nipponico contagia anche le Borse europee che dopo un avvio debole si mantengono tutte al di sotto della parità.

Il Dax30 cede lo 0,25%, seguito dal Cac40 e dal Ftse100 che scendono rispettivamente dello 0,24% e dello 0,12%.
L'attenzione degli investitori continua ad essere rivolta alla Spagna in attesa di sviluppi sul fronte della crisi catalana, ma oggi si guarderà anche alla riunione dell'Eurogruppo, in agenda nel primo pomeriggio, in occasione della quale si discuterà del completamento dell'unione bancaria.
Sul fronte macro intanto in Europa è stato diffuso il dato finale dell'indice PMI composito di ottobre rivisto al rialzo da 55,9 a 56 punti, in frenata rispetto ai 56,7 punti di settembre, ma oltre le attese che puntavano ad una conferma dell'indicazione preliminare.


L'indice PMI servizi è salito da 54,9 della prima lettura a 55 punti, rispetto ai 55,8 del mese precedente e ai 54,9 punti del consensus.
Sempre in Europa i prezzi alla produzione hanno evidenziato a settembre una variazione positiva dello 0,6%, in crescita rispetto allo 0,3% di agosto e oltre le previsioni del mercato che puntava ad un incremento dello 0,4%.

In Germania l'indice PMI servizi è stato rivisto al ribasso da 55,2 a 54,7 punti, in frenata rispetto ai 55,6 del mese precedente e al di sotto dei 55,2 punti attesi. 
Lo stesso dato in Francia si è attestato a 57,3 punti dai 57,4 dell'indicazione preliminare e del consensus, mentre in Italia si è avuta una contrazione da 53,2 a 52,1 punti, rispetto ai 52,9 su cui aveva scommesso il mercato.
In rosso anche Piazza Affari dove il Ftse Mib scende in area 22.950, con una flessione dello 0,3%.


Il mercato domestico è frenato ancora una volta dai titoli del settore bancario con Bper Banca e Banco BPM in flessione rispettivamente dell'1,76% e dell'1,66%, seguiti da Unicredit e Ubi Banca che scendono dell'1,04% e dell'1,08%, mentre Intesa Sanpaolo cala dell'1,05%, diversamente da Mediobanca che limita i danni allo 0,36%.
Prese di profitto per Campari che cede lo 0,87% dopo il buon rialzo di venerdì scorso ed è preceduto dal segno meno anche Telecom Italia, con un rosso dello 0,52%.


Tira il fiato anche Fca con un calo di mezzo punto, seguito da CNH Industrial che scende dello 0,27% dopo gli spunti rialzisti delle ultime sedute.
Il rialzo del prezzo del petrolio ad un passo dai 56 dollari al barile mette di buonumore i titoli del settore oil. Saipem guadagna l'1,35%, seguito da ENI e Tenaris che si apprezzano dello 0,42% e dello 0,38%.
Luxottica mostra un progresso dello 0,72% dopo che le autorità antitrust Ue hanno sospeso l'indagine sulla fusione da 54 miliardi di dollari con Essilor.

In salita dello 0,29% STM sulla scia dei rumors relativi a possibili operazioni M&A nel settore dei semiconduttori. Secondo la stampa Broadcom starebbe preparando un'offerta per rilevare Qualcomm a 70 dollari per azione.
Infine, Mediaset arretra di quasi un punto senza beneficiare delle indiscrezioni secondo cui sarebbe pronta una bozza di intesa con Vivendi che sarebbe disponibile ad un risarcimento da 400 milioni di euro.
Per oggi non si segnalano dati macro di rilievo in America, dove è in agenda un discorso di William Dudley, presidente della Fed di New York.
Sul versante societario sono attesi i risultati degli ultimi tre mesi di Priceline Group e di Sysco Copr.

per i quali si prevede un utile per azione pari rispettivamente a 34,25 e a 0,72 dollari. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.