-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 21 novembre 2017

Borse concentrate sullo scenario macro: a cosa guardare ora


Dopo aver reagito con una certa indifferenza alle novità arrivate dal mondo politico della Germania, l'attenzione dei mercati azionari continua ad essere rivolta principalmente agli Stati Uniti. Quella iniziata ieri sarà una settimana diversa dal solito a Wall Street che giovedì rimarrà chiusa per la festività del Ringraziamento e il giorno dopo osserverà un'orario ridotto.
In queste giornate però non mancheranno alcuni spunti interessanti e si guarderà in particolare ai verbali della Fed e alle eventuali novità relativa alla riforma fiscale Usa che sarà votata nelle prossime giornate al Senato. 
Diversi saranno inoltre gli spunti sul fronte macro, tanto in Europa quanto in America.

I market movers in America

Per oggi sul fronte macro Usa oltre all'indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa si segnala l'indice Cfnai di ottobre che dovrebbe salire da 0,17 a 0,2 punti.

Per le vendite di case esistenti ad ottobre si stima un rialzo da 5,39 a 5,42 milioni di unità.
Spostando lo sguardo sul versante societario, da segnalare prima dell'avvio degli scambi a Wall Street i risultati degli ultimi tre mesi di Analog Devices e di Dollar Tree, dai quali ci si attende un utile per azione pari rispettivamente a 1,36 e a 0,9 dollari, mentre per i conti di Campbell Soup si stima un eps di 0,97 dollari.
In calendario anche le trimestrali di Lowe's Corporation e di Medtronic che per non deludere le attese dovranno centrare l'obiettivo di un utile per azione pari rispettivamente a 1,02 e a 0,99 dollari, mentre a mercati chiusi saranno resi noti i dati degli ultimi tre mesi di HP per i quali si prevede un eps pari a 0,44 dollari.
Domani si conoscerà l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari, ma ancor più rilevante sarà l'aggiornamento sul dato preliminare degli ordini di beni durevoli che ad ottobre dovrebbero mostrare una variazione positiva dello 0,5%, in frenata rispetto al rialzo del 2% precedente, mentre al netto della componente trasporti si prevede un progresso dello 0,4% dallo 0,7% di settembre.
In agenda anche le nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero calare da 249mila a 240mila unità, mentre il dato finale della fiducia Michigan di novembre è atteso a 98,9 punti, in rialzo rispetto ai 97,8 punti della lettura preliminare, ma in calo in confronto ai 100,7 punti della versione definitiva di ottobre.


Nel pomeriggio sarà diffuso il consueto aggiornamento settimanale sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia. 
Due ore prima della chiusura di Wall Street è prevista la diffusione delle minute della Fed, ossia dei verbali relativi all'ultima riunione di politica monetaria tenutasi lo scorso 1 novembre.

A mercati chiusi è previsto un discorso del presidente della Fed, Janet Yellen.
Sul versante societario da segnalare prima dell'avvio degli scambi i risultati degli ultimi tre mesi di Deere & Co, dai quali ci si attende un utile per azione pari a 1,47 dollari.
Giovedì la piazza azionaria americana sarà chiusa per la festività del Ringraziamento, mentre venerdì Wall Street osserverà un orario ridotto visto che la chiusura delle contrattazioni avverrà tre ore prima del consueto.


Per l'ultima seduta della settimana sul fronte macro si segnala il dato preliminare dell'indice PMI servizi di novembre che dovrebbe salire da 55,3 a 55,6 punti, mentre l'indice PMI manifatturiero è atteso in aumento da 54,6 a 54,8 punti.

I dati macro e gli eventi in Europa

Per domani in Europa è atteso solo il dato preliminare dell'indice relativo alla fiducia dei consumatori che a novembre dovrebbe attestarsi a -0,75 punti, in recupero rispetto alla lettura precedente fermatasi a -1 punto.
Giovedì si conoscerà in Europa il dato preliminare dell'indice PMI composito che a novembre dovrebbe rimanere invariato a 56 punti, mentre l'indice PMI manifatturiero è visto in calo da 58,5 a 58,3 punti e l'indice PMI servizi in salita da 55 a 55,2 punti.
In Germania sarà diffuso il dato finale del PIL del terzo trimestre che dovrebbe mostrare una variazione positiva dello 0,8%, in linea con l'indicazione preliminare e in rialzo rispetto allo 0,6% dei tre mesi precedenti.

Per l'indice PMI manifatturiero di novembre le stime parlano di un calo da 60,6 a 60,3 punti, mentre l'indice PMI servizi è atteso in salita da 54,7 a 55 punti.
In Francia l'indice relativo alla fiducia delle imprese a novembre dovrebbe scendere da 111 a 110 punti, mentre l'indice PMI manifatturiero di novembre dovrebbe calare frazionalmente da 56,1 a 56 punti e l'indice PMI servizi da 57,3 a 57,1 punti.

In tarda mattinata è prevista la diffusione dei verbali dell'ultima riunione della BCE tenutasi lo scorso 26 ottobre.
Nell'ultima seduta della settimana si guarderà alla Germania dove si conoscerà l'indice IFO che a novembre dovrebbe scendere da 116,7 a 116,5 punti.

I titoli da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari domani si guarderà ai titoli del settore petrolifero in vista del report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia Usa.



Giovedì i riflettori saranno puntati su Fca in vista dei dati sulle immatricolazioni di veicoli commerciali in Europa che saranno diffusi dall'Acea con riferimento al mese di ottobre. 

Al momento non si segnalano titoli e temi di rilievo per l'ultima seduta della settimana.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.