-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 1 novembre 2017

Banco BPM in attesa del deal con Cattolica. Analisti divisi


Anche la seduta odierna si è conclusa con un nulla di fatto per Banco BPM che, dopo aver ceduto lo 0,07% ieri, si è fermato poco sopra la parità oggi. Il titolo ha terminato gli scambi a 2,994 euro, con un frazionale rialzo dello 0,07% e quasi 21 milioni di azioni transitate sul mercato a fine sessione, al di sotto della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a quasi 23 milioni di pezzi.
Banco BPM ha avviato gli scambi in salita ed è arrivato a segnare un massimo intraday a 3,046 euro, con un vantaggio di quasi due punti percentuali, salvo rimangiarsi subito questo progresso e riportarsi in direzione della parità.

Raggiunta intesa tra Banco BPM e Cattolica

Ad alimentare gli acquisti nella fase iniziale sono state le indicazioni di stampa secondo cui Banco BPM e Cattolica Assicurazioni avrebbero raggiunto l'intesa che sarà ratificata oggi dal Cda della compagnia assicurativa, nel giorno in cui scadono i termini della trattativa concessa in esclusiva da banco BPM per due settimane.
In attesa di conoscere i dettagli ufficiali dell'accordo, la stampa questa mattinata segnala che Cattolica Assicurazioni dovrebbe acquistare il 60%-65% della joint-venture e che quest'ultima sarebbe valorizzata tra 1,25 e 1,3 miliardi di euro per il 100%.

L'arbitro nominato per valore il 50% di Popolare Vita, ceduto da UnipolSai e acquistato da Banco BPM, avrebbe indicato in 585 milioni di euro il valore della partecipazione, inclusivo di 50 milioni di euro di dividendi già pagati.

Le ipotesi di Equita SIM

Ipotizzando che Cattolica Assicurazioni compri il 65% sulla base di una valutazione di 1,25 miliardi di euro e che Banco BPM paghi 585 milioni di euro per Popolare Vita, gli analisti di Equita SIM fanno sapere che il Common Equity tier 1 della banca scenderebbe di 12 punti base con un impatto negativo del 3% sugli utili 2019.

Questi ultimi nel caso di Cattolica Assicurazioni scenderebbero del 5%, confermando assunzioni conservative sugli utili della joint-venture.

Focus sulla riduzione del rischio di Banco BPM

Gli esperti della SIM milanese oggi si sono concentrati anche sulla potenziale riduzione del rischio di Banco BPM, segnalando che secondo i loro calcoli nel breve, ossia nel primo semestre del prossimo anno, non è ipotizzabile un’accelerazione significativa nella riduzione dello stock di esposizioni non performanti, motivo per cui credono che gli spazi di rerating del titolo restino limitati.
Nel medio periodo, guardando cioè alla fine del 2019, Banco BPM è invece in condizione di migliorare il target di NPE ratio del piano.
In base ai dati degli analisti, il Common Equity Tier 1 a fine anno senza beneficio dei modelli IRB dovrebbe raggiungere il 12,2% perché il contributo dalla razionalizzazione della bancassurance dovrebbe essere neutrale.
Ipotizzando un Common Equity Tier 1 target del 12%, Banco BPM può vendere altri 2,4 miliardi di euro di crediti non performanti non garantiti e ridurre l’NPE ratio dal 21,7% al 20,1%.

Assumendo il beneficio dei modelli IRB e un CET1 del 13,3%, le vendite potrebbero salire a 9,7 miliardi di euro e l’NPE ratio raggiungere il 14,8%.
Il raggiungimento di un target NPE ratio di 10% resta possibile ma solo nel medio periodo: secondo gli analisti di Equita SIM, completato l’attuale piano di derisking che ipotizza una riduzione al 17,9% nel 2019 e 8 miliardi di euro di cessioni, con un Common Equity Tier 1 del 13,9%, Banco BPM può reinvestire il capitale in eccesso di 1,4 miliardi di euro nella vendita di ulteriori 13 miliardi di euro di non performing loan e ridurre l’NPE ratio al 7,5%.
In attesa di novità la SIM milanese mantiene una view cauta su Banco BPM, con una raccomandazione "hold" e un prezzo obiettivo a 3,4 euro.

Bca IMI è bullish sul titolo

Più ottimista la view dei colleghi di Banca IMI che invitano ad acquistare il titolo con un target price a 3,8 euro.

Gli analisti credono che l'entrata di cassa derivante dal deal con Cattolica vada a compensare l'uscire da ricondurre all'esercizio della put option di UnipolSai e Aviva, in linea con la guidance del management.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.