-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 20 novembre 2017

A rischio garanzia Bce per conti correnti fino a 100 mila euro?


Durante la tempesta del Bail in, in altre parole durante i primi mesi in cui questa nuova regola è diventata ufficiale, la prima salvezza cui molti correntisti si sono affidati è stata la garanzia offerta dalla Bce per tutti i conti inferiori ai 100mila euro.

La situazione

Conti che, per volontà della banca centrale europea, non dovevano rientrare nel computo di coloro che avrebbero dovuto partecipare al salvataggio in extremis, di un istituto di credito in difficoltà.

Una regola che presto potrebbe venire cancellata dalla stessa Bce che a suo tempo l'aveva creata. Infatti l’8 novembre una nuova relazione metteva in risalto il fatto che l'Europa fosse al centro di una ripresa economica particolarmente importante; per questo motivo, quindi, i risparmiatori dovrebbero essere chiamati non solo a diversificare il proprio portafoglio ma anche a diventare più responsabili verso la banca in cui hanno depositato i propri soldi.
Da qui la decisione di togliere la garanzia per poter responsabilizzare i correntisti ed evitare di far lasciare i capitali immobili. La decisione, qualora dovesse essere confermata, porterebbe ad un'ondata di prelievi in via cautelativa. Una corsa che sarebbe giustificata, in particolare in Italia, anche dal clima di sfiducia inerente il settore bancario, reduce nons olo dalle diverse misure di sostegno su Mps e banche venete ma anche dalla bufera che proprio in questi giorni su è scatenata per Carige e Creval.

La Brr

Alla base della garanzia c'era la famosa “Bank recovery and resolution directive” (Brr), la direttiva comunitaria sul cosiddetto “bail-in”, oggetto di critiche ancora prima della sua approvazione, nel gennaio scorso, critiche che, però non ne bloccarono la conferma da parte dell'europarlamento e ancora prima dei singoli parlamenti nazionali.

Stando alle decisioni della Brrd, infatti, l'aiuto di stato, vietato in prima istanza, arriverebbe solo dopo che le spese siano state già coperte dai soci-azionisti prima, dai possessori di obbligazioni subordinate in seconda istanza, quindi da quelli delle obbligazioni senior e, infine, dai correntisti con somme superiori ai 100.000 euro.
Paradossalmente, grazie alla crisi che nel giro di quasi 10 anni ha costretto molti italiani a dover erodere il patrimonio, il numero dei conti correnti superiori ai 100mila euro sono diminuiti nel tempo, senza contare il fatto che in molti hanno pensato di dividere la somma presente su un singolo conto, in diversi conti tutti inferiori al limite massimo.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.