-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 2 novembre 2017

A Piazza Affari prosegue l'ascesa: occhio ai dati sul lavoro Usa


La seduta odierna si è conclusa a due velocità per le Borse europee che hanno visto il Dax30 e il Cac40 calare rispettivamente dello 0,18% e dello 0,07%, diversamente dal Ftse100 che è salito dello 0,9%, mettendo a segno la migliore performance in Europa, dopo essere stato l'unico listino in calo ieri.

Ftse Mib sopra quota 23.000: prossima fermata in area 23.500?

Conclusione positiva anche a Piazza Affari dove il Ftse Mib si è fermato a 23.046 punti, con un vantaggio dello 0,24%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 23.127 e un minimo a 22.935 punti.
L'indice ha mostrato qualche incertezza intorno all'area dei 23.000, per poi allungare poco oltre i 23.100 punti, con successiva chiusura a ridosso di area 23.050.
La chiusura di seduta al di sopra dei 23.000 punti è di buon auspicio per una prosecuzione degli acquisti che, come già indicato nei report delle ultime giornate, avranno un primo target in area 23.200/23.300 e un obiettivo successivo a 23.500 punti.


Sarà questo l'ultimo baluardo da abbattere prima di un approdo in area 24.000, ossia sui massimi del 2015, il raggiungimento dei quali però potrebbe avvenire più in là nel tempo.
Ritorni al di sotto di area 23.000 troveranno un primo supporto in area 22.800, dove verrà chiusi il gap-up lasciato aperto nei giorni scorsi.
Ripiegamenti oltre la soglia appena indicata avranno un target in area 22.500, sotto cui la discesa proseguirà verso i 22.200 prima e i 22.000 punti in un secondo momento. 
Ripiegamenti fino all'area dei 22.000 saranno compatibili con una ripresa degli acquisti, ma inevitabilmente allontaneranno almeno nel breve la possibilità di un allungo verso quota 24.000.

I market movers in America

Per l'ultima seduta della settimana si segnala la chiusura per festività del mercato azionario giapponese, mentre sul fronte macro Usa è in agenda la bilancia commerciale di settembre che dovrebbe mostrare un rosso di 43,4 miliardi di dollari, in peggioramento rispetto ai 42,395 miliardi della rilevazione precedente.
Grande attenzione sarà riservata al report sull'occupazione che in riferimento al mese di ottobre dovrebbe restituire un tasso di disoccupazione invariato al 4,2%, mentre il numero di nuovi posti di lavoro nel settore non agricolo è atteso a 300mila unità, in netto recupero rispetto alla perdita di 33mila unità registrata a settembre.
Per il dato finale dell'indice PMI servizi di ottobre si stima una rilevazione pari a 55,9 punti contro i 55,3 del mese precedente, mentre l'indice ISM servizi è atteso in calo da 59,8 a 59 punti.  
In agenda anche gli ordini alle imprese di settembre che dovrebbero salire dell'1% rispetto all'1,2% del mese precedente.


Da segnalare un discorso di Neel Kashkari, presidente della Fed di Minneapolis.
Sul versante societario da seguire i risultati del terzo trimestre di Moody's, dai quali ci si attende un utile per azione pari a 1,41 dollari.

I titoli da seguire a Piazza Affari

In Europa non sono previsti dati macro di rilievo, mentre a Piazza Affari saranno diffusi i risultati del terzo trimestre di Prima Industrie e di Reno De Medici.
Da seguire Fca dopo che ad ottobre in Italia le immatricolazioni sono aumentate del 7,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.


In controtendenza il gruppo del Lingotto che ha visto le sue vendite scendere dello 0,8% su base annua. La quota di mercato è stata pari al 26,1%, in calo rispetto al 28,2% di settembre e in flessione anche in confronto al 28,34% dello stesso mese del 2016.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.