-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 24 ottobre 2017

Uno dei segreti del successo di Amazon? Le 'decisioni di tipo 2'

Il fondatore di Amazon Jeff Bezos, ora multimiliardario e tra gli uomini più influenti al mondo, ha sviluppato la consapevolezza di avere una forte capacità (sua e della sua azienda) a gestire le cosiddette decisioni di ‘tipo 2’. Così bene da portare Amazon a essere quello che è oggi, un leader di mercato e un caso industriale straordinario.
Ma cosa sono le decisioni di tipo 2 di cui parla Bezos nella sua lettera agli azionisti datata 2016?
Jeff Bezos, fondatore di Amazon (AP Photo/Reed Saxon)
Nel gergo imprenditoriale, le decisioni di ‘tipo 1’ sono quelle irreversibili per l’azienda e devono essere prese con la massima cautela, perché possono decretare anche rivoluzioni nel modo di lavorare di tutta la filiera. Le decisioni di ‘tipo 2’ sono al contrario quelle reversibili, devono essere prese rapidamente e possono avere un grande impatto come essere totalmente inadatte – ma al contempo non pregiudicano l’azienda nella sua interezza.
Dentro Amazon le decisioni di tipo 2 hanno permesso di accrescere la fortuna dell’azienda, come confermato anche dalle considerazioni di Scott Galloway, professore di marketing presso la Stern School of Business della New York University e fondatore dell’azienda di intelligence digitale, L2. Nel suo libro “The Four: ovvero, come costruire un’azienda da un trilione di dollari”, Galloway ha spiegato come Jeff Bezos sia stato bravo a prendere decisioni rischiose e sufficientemente fluide da rendere Amazon una macchina da soldi.
Sono state tre, principalmente, le strategie fortunate di Amazon:
– L’azienda ha stroncato immediatamente alcuni investimenti che non hanno funzionato, come il Fire Phone, lasciando capitale da investire e trasferire in altre attività.
– L’azienda ha investito in settori completamente nuovi e senza una particolare esperienza, ottenendo un successo straordinario (Amazon Prime ad esempio) senza che ciò andasse a sostituire il core business, che è quello che tutti conosciamo: vendere oggetti online.
– Amazon investe il denaro in modo massiccio solamente quando l’affare sta diventando importante, dunque non troppo nella fase di lancio né in quella di progettazione.
Un esempio di investimento accorto? La costruzione di un piccolo numero di negozi “veri” di mattoni e cemento, senza sprechi né fronzoli, in attesa di capire come sarebbero andati. Niente progetti avveniristici, ma un progetto di fattibilità “normale”. Poi, se tutto funziona a dovere, si aprono davvero i cordoni della borsa. E Amazon diventa improvvisamente leader di mercato.
Dice Galloway, riportato su Business Insider: “La mia esperienza nelle imprese tradizionali è che qualsiasi cosa nuova viene vista come innovativa e le persone assegnate ad essa, come qualsiasi genitore, diventano irrazionalmente appassionate rispetto al progetto e rifiutano di riconoscere quanto stupido e brutto il loro piccolo progetto sia diventato. Di conseguenza le aziende tradizionali non solo hanno meno capitale da investire, ma meno spazio di manovra. Amazon può invece entrare in categorie non tipicamente sue e farsi notare e essere leader in tempi record perché ha accesso a un capitale più economico. In effetti, questa azienda sta giocando in modo ingiusto e sta vincendo“.
Bezos dichiarò nel 1997 che “data una probabilità del 10% di un guadagno di cento volte superiore, bisogna accettare quella scommessa ogni singola volta“. E la voglia di correre rischi, diciamo, lo ha già abbondantemente ripagato in più occasioni!

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.