-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 4 ottobre 2017

Telecom I.: Cdp entra nel capitale? Immutato il buy dei broker


 
Non si allenta la tensione ribassista su Telecom Italia (Amsterdam: TI6.AS - notizie) che in linea con l'andamento negativo dell'indice di riferimento perde terreno anche oggi, facendo salire a cinque il numero di sedute consecutive al ribasso. Dopo aver archiviato la giornata di ieri con un calo dello 0,26%, il titolo ha anche provato a rimbalzare oggi e sulla scia di un'apertura in rialzo è arrivato a segnare un massimo intraday a 0,7835 euro, con un vantaggio di quasi un punto percentuale.
In seguito però Telecom Italia si è mosso a passo di gambero, arrivando ad invertire la rotta e scendendo a mettere sotto pressione i minimi di metà settembre. Negli ultimi minuti il titolo viene scambiato a 0,7625 euro, con un ribasso dell'1,74% e oltre 88 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, rispetto alla media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 74 milioni di pezzi.
Cdp non esclude un ingresso nel capitale di Telecom Italia
Telecom Italia resta sotto i riflettori in attesa di novità sull'esercizio o meno del golden power da parte del Governo. Intanto ieri il presidente della Cassa Depositi e Prestiti, Claudio Costamagna, ha dichiarato che Open Fiber resta una priorità, ma l'istituzione finanziaria controllata dal MEF potrebbe valutare un ingresso in Telecom Italia se il Governo lo richiedesse nell'ambito dell'applicazione del golden power.
La view di Bca IMI
Per gli analisti di Banca IMI quella di Costamagna è una dichiarazione interlocutoria nel dibattito sul potenziale esercizio del golden power da parte del Governo che sta cercando di fare pressioni su Vivendi (Londra: 0IIF.L - notizie) e Telecom Italia per uno spin-off della rete fissa.
Secondo Banca IMI la visibilità sulle implicazioni del golden power è ancora bassa e quindi gli analisti prevedono che il titolo continui ad essere penalizzato da queste incertezze. Ciò non induce tuttavia a cambiare idea su Telecom Italia, che resta da acquistare con un prezzo obiettivo a 1,08 euro.    
Il commento di Bca Akros
A puntare sulle azioni dell'ex monopolista italiano è anche Banca Akros che oggi ha reiterato la raccomandazione "accumulate", con un target price a 1,15 euro. Con riferimento ad un possibile ingresso di Cassa Depositi e Prestiti in Telecom Italia, gli analisti segnalano che la quota dovrebbe essere abbastanza rilevante rispetto al 24% di Vivendi, in modo da poter influenzare la strategia di Telecom Italia.
Cdp potrebbe aggiudicarsi i tre consiglieri riservati alle minoranze, ma gli analisti non sono sicuri che gli interessi della società siano del tutto allineati con quelli degli azionisti di minoranza.
L'idea è che una fusione alle giuste condizioni con Oper Fiber potrebbe ridurre in maniera rilevante il rischio competitivo e internalizzare un grande valore delle sinergie di investimento.
A detta di Banca Akros le dichiarazioni del presidente di Cdp possono alimentare ulteriormente la speculazione su Telecom Italia, visti i tempi lunghi per una decisione sul golden power prevista entro la fine di gennaio prossimo.
Mediobanca (Milano: MB.MI - notizie) sostiene ancora quotazione delle rete
Mediobanca Securities invece continua a credere che la quotazione della rete fissa possa consentire a Telecom Italia di cristallizzare il valore dell'asset, riducendo il debito e mantenendo una forte governance.
Secondo gli analisti le società di proprietà dello Stato come Cassa Depositi e Prestiti potrebbero entrare nel capitale della newco, oppure si potrebbe esplorare l'integrazione con altri operatori, come ad esempio Open Fiber.
Mediobanca si aspetta che la nomina del nuovo AD e il miglioramento di rapporti tra il Governo e Telecom Italia possano ripristinare la fiducia nell'equity story dell'ex monopolista italiano, le cui azioni secondo gli analisti sono destinate a sovraperformare il mercato con un fair value a 1,34 euro.
La strategia di Jefferies
Infine, buone notizie per Telecom Italia arrivano da Jefferies che invita ad acquistare con un prezzo obiettivo a 1 euro. Secondo il broker c'è una forte logica per lo spin-off della rete, fermo restando che intanto le vicende tra il Governo e Vivendi hanno aumentato il de-rating di Telecom Italia.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.