-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 18 ottobre 2017

Rimbalzo dell’USD con l’aumento della curva dei rendimenti USA

 
Le scorte USA caleranno per la quarta settimana consecutiva
By Arnaud Masset
Martedì i prezzi del greggio sono saliti ulteriormente, il WTI e il Brent hanno guadagnato rispettivamente lo 0,50% e lo 0,80% sulla scia delle crescenti tensioni geopolitiche e della diminuzione delle scorte di greggio. Donald Trump ha deciso che non certificherà il rispetto dell’accordo con l’Iran, lasciando il destino dell’accordo sul nucleare nelle mani del Congresso. Dopo molti anni in cui non aveva potuto esportare il suo petrolio, l’anno scorso le sanzioni internazionali contro l’Iran erano state rimosse, permettendo al paese di aumentare la produzione. L’ampliamento dell’offerta e l’accumularsi di scorte negli USA avevano offuscato le prospettive sui prezzi del petrolio.
Le recenti tensioni geopolitiche e, nello specifico, quelle riguardanti l’accordo con l’Iran e la situazione nel Kurdistan iracheno, hanno dato una nuova spinta ai prezzi del petrolio; entrambi gli indici hanno testato massimi che non si vedevano da mesi. Il Brent è salito addirittura fino a raggiungere il massimo dal luglio 2015, ha infatti testato quota $59,05.
Ultimamente poi c’è stata anche un’accelerazione del calo delle scorte di greggio negli USA. Dopo essere diminuite di 2,7 milioni di barili la scorsa settimana, dovrebbero calare di 3,25 milioni di barili. Sarebbe la quarta settimana consecutiva di cali. Infine, anche la diminuzione delle trivelle di perforazione negli USA potrebbe pesare sull’offerta.
Le prospettive sul prezzo del greggio sono molto incerte, bisogna infatti valutare tutta una serie di variabili. Anche se la situazione nel Kurdistan iracheno influirà solo temporaneamente sui prezzi del greggio, la potenziale re-introduzione di sanzioni contro l’Iran avrà effetti più duraturi. Fatta questa premessa, rimaniamo cauti sulle prospettive dei prezzi del petrolio. Ci sono molte nuvole all’orizzonte e non escludiamo un’inversione nel breve termine.
Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) rapporto del Tesoro USA, la Cina non viene etichettata di nuovo come manipolatrice
By Yann Quelenn
Se i mercati avessero bisogno di altre prove sul fatto che dovrebbero fare trading contro tutto ciò che il presidente USA Trump dice in pubblico, ecco il rapporto semestrale del Tesoro. L’omissione più lampante è che il Tesoro USA non ha etichettato la Cina come manipolatrice della valuta, nonostante l’atteggiamento molto duro in pubblico, visto negli ultimi tempi durante i negoziati sul NAFTA. Il Tesoro ha invece ammorbidito i toni sulla Cina, omettendo le critiche presenti nel rapporto dell’aprile del 2017. Altri paesi hanno quasi soddisfatto il criterio utilizzato per la definizione di “manipolatore di valuta”. Il rapporto del Tesoro identifica gli interventi valutari come l’acquisto netto di divise straniere per un valore superiore al 2% del PIL in un periodo di 12 mesi come uno dei criteri. La Svizzera e il Brasile hanno raggiunto questo valore nei quattro trimestri fino a giugno 2017. Si evidenziano inoltre squilibri commerciali con la Cina, la Germania, la Corea del Sud, il Giappone e la Svizzera, che rimarranno nella lista dei principali partner commerciali sotto osservazione.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.