-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 30 ottobre 2017

Lettera finanziaria. E venne il momento della riscossa


Dopo tanto attendere, ma preannunciato in estate su queste lettere, è arrivato il rafforzamento del dollaro, iniziato da un mese, lentamente, da area 1,20/21 fino agli attuali 1,15/16, ma dopo una sosta sui supporti intermedi di 1,1820/30 toccati negli ultimi 15 giorni, più volte.
Solo nelle  ultime due sedute della settimana appena conclusa il dollaro  ha lasciato sul terreno, e quindi si è rafforzato contro euro, di quasi tre figure.
E non dovrebbe essere finita, poiché  il pil Usa terzo trimestre proprio ieri, e' stato confermato sugli stessi livelli del precedente trimestre, con un robusto, per noi europei  ed italiani, 3%. Quindi vi sarà maggior certezza di un ulteriore aumento dei tassi già in dicembre e probabilità di altri tre nel 2018.

Tanta benzina per la moneta Usa.
In più, che a succedere alla Yellen , sia il nostro preferito, il "falco" Taylor o il più accomodante, non di certo "colomba"Powell, entrambi nelle grazie di Trump, poco importa.
Il quarto trimestre poi, è sempre foriero di un dollaro in rafforzamento, per richieste di valuta  usa da tutto il mondo per le festività e per le rimesse delle multinazionali per chiudere i bilanci.annui.
Confermiamo quindi le nostre previsioni fin'ora centrate in pieno, di un ulteriore apprezzamento verso area 1,1440/60 dove dovrebbe sostare  un po' di più del precedente 1,1820/30.
Oltre l'inverno possiamo prevedere un equilibrio fra gli 1,10 e 1,12, nulla di più, ma professionalmente ci è  molto complicato prevedere esattamente e spingersi oltre.

Non sarebbe oltretutto onesto.
Consigliamo ,per chi è già investito in valuta Usa di spostarsi "swithciando", se mai, su rendimenti più interessanti, come la nuova emissione Goldman Sachs 6,25 % o la nuovissima Citicorp 7% ( rendimento netto 5,18%). Per tutti gli altri, acquistare Dollari su possibile rimbalzo sui 1,1650/1,1700 circa, e comprare i due bond.
Petrolio più che in complessivo rafforzamento, in progressivo allargamento della forchetta fra wti e Brent, solo parzialmente colmato nell'ultima seduta.

Il prezzo oltre i massimi del Brent sta già facendo aggio, sull'Americano wti, che sta stimolando l'estrazione dello shale oil a prezzo concorrenziale,  a questi livelli.
Oro in indebolimento sotto i supporti di 1280 ed argento sui supporti di 16,80.
Solo in Nasdaq accelera  con un +2%, per le performances a doppia cifra delle 5 big Cap Amazon, Apple , Microsoft, Alphabet (google) ed Amazon.
Il resto dei listini usa sui massimi, così pure Asia. Europa a due facce, Madrid e Milano negative, per motivi diversi ( Catalogna e motivi tecnici) ed il resto positivo.
Un accenno, su cui ritorneremo la prossima settimana, sul nostro future Dicembre ed anche Marzo.
Siamo tornati ancora una volta sui supporti 22500/600 , vecchie resistenze...e con" l'aiuto" del rientro in quotazione di MPS, senza prendere come parametro di partenza il prezzo di riferimento dell' ultimo giorno di quotazione del Dicembre 2016...15 euro! Ma bensì un prezzo di 4,30.

Altro impatto, più negativo, ci sarebbe stato sul listino e future....ma i poteri forti hanno ancora avuto la meglio.
Suggerimenti operativi con opzioni. Oltre a vendere opzioni future mibo su gennaio e Marzo call 23500 e put21500, iniziare a vendere leggermente opzioni euro dollaro,  con la stessa strategia, sempre Dicembre Marzo, call1,20/1,22 e put 1,10/1,08 rispettivamente.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.