-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 18 ottobre 2017

L'analisi tecnica sui mercati finanziari

L'analisi tecnica sui mercati finanziari
La scala pitagorica o ottave pitagoriche è il sistema musicale usato nella musica per la costruzione della scala. Nonostante alcuni studiosi  attribuiscano la nascita fin dal IV millennio a. C. in Mesopotamia, nella tradizione occidentale è attribuita a Pitagora. Fu utilizzata nell’antichità della Grecia e nell’Oriente prima in Cina e poi in Giappone.
William Delbert Gann profondo studioso dei concetti matematici espressi da Pitagora, e conoscitore della scala che produce la vibrazione più perfetta in Natura, era solito dividere in 8 parti – richiamando il concetto della scala pitagorica – un intero, ed è per questo che prendendo il cerchio di 360 e dividendolo in 8 parti ogni parte consta di 45 unità.
Dividendo quindi 100 - espressione di un intero - in 8 parti si ricavano le seguenti proporzioni secondo i dettami della Gann-Theory:
12,50 – 25,00 – 37,50 – 50,00 – 62,50 – 75,00 – 87,50 – 100,00.
Questo concetto si avvicina a quanto scoperto da Leonardo Fibonacci, matematico pisano del 1250 circa che con la proporzione divina il suo intero di 100 corrisponde a:
14,59 – 23,61 – 38,20 – 50,00 – 61,80 – 76,39 – 85,41 – 100,00.
Ecco che se noi prendiamo il cerchio di 360 unità, il 38,20% corrisponde a 137,51 definito “angolo aureo” mentre per Gann il 37,50% di 360 unità corrisponde a 135. La differenza non è poi cosi grande – appena 2,51 – ma può diventare importante se il riferimento di 360 unità temporali cominciano a essere settimane, trimestri, anni o secoli. Infatti in caso di 360 giorni la differenza tra Fibonacci e Gann è di 2,51 giorni, ma se noi cominciamo a ragionare in settimane, si capisce che 2,51 settimane corrispondono a 18 giorni circa in cui il mercato può fare movimenti enormi. Per non parlare di 2,51 mesi pari a 77 giorni o di 2,51 anni.
Perché tutto questo preambolo? Perché il derivato domestico si muove alla perfezione su cicli di 45 settimane che alla fine corrisponde alla metà di 90, e ad 1/3 del ciclo di 135 settimane.
Vediamo.
Sappiamo che prendendo il minimo di 14990 del 27 giugno 2016 – anno di setup yearly e conclusione del ciclo di 16 anni dal top storico del 07 marzo 2000 – il target di questo rialzo si pone a 23790 visto che il 38,20% di questa sequenza di prezzo di trova sul minimo di 18370 dell’8 febbraio 2017 – minimo dell’anno in corso – e che il 61,80% si trova al prezzo di 20470 fatto il 30 giugno del 2017.
Osserviamo il grafico:
Ritornando su quel livello di prezzo, il derivato domestico ritornerebbe sul prezzo fatto il 15 aprile del 2015 quando toccò 23715, quindi differenza minimale con l’atteso 23790, ed è proprio da quel livello che andremmo a calcolare il tempo.
Abbiamo detto che la divisione in ottave del ciclo di 360 corrisponde a 45, e se noi – dal massimo del 15 aprile del 2015 – aggiungiamo 45 settimane, arriviamo al 24 febbraio del 2016. Chi mi legge da tempo si ricorderà come ancora il 22 settembre del 2015 – quindi 5 mesi – indicammo un target prezzo/tempo per il 26 febbraio a 16705 e il future perpetual toccò 16570 il 24 febbraio del 2016 rispettando appieno le 45 settimane.
Osserviamo il grafico:
Il ribasso è stato di 7145 punti che su un tempo di 45 settimane equivale all’1,2360 quindi con i parametri della sequenza di Fibonacci sopra definiti.
Aggiungendo un altro tempo di 45 settimane al 24 febbraio del 2016 arriviamo al 03 gennaio del 2017 quando in questa sede a dicembre - e quindi un mese prima - uscimmo con un articolo chiamato scherzosamente “32 Dicembre” visto il forte setup che cadeva tra il 30 dicembre 2016 e i primi di gennaio del 2017.
Osserviamo il grafico:
Ora se noi aggiungiamo altre 45 settimane – per un totale di 135 corrispondente a 3/8 del cerchio di 360 – a partire dal 15 aprile del 2015 – che così diventano 90 settimane dal minimo strutturale del 24 febbraio del 2016 – arriviamo circa alla metà di novembre del 2017.
Osserviamo il grafico:
Novembre inoltre cade a 90 mesi dal minimo del maggio del 2010 – anno in cui il prezzo segnò il minimo dell’anno e in cui era anno di doppio setup yearly – e dove tracciando un angolo 1×8 – dove 1 sta come quantità di tempo e 8 come quantità di prezzo – e dove Gann definiva l’angolo 1×8 il secondo angolo lento dopo l’1×4 che era il primo angolo lento – questo passa a novembre del 2017 a 23670.
Osserviamo il grafico:
In sostanza la tenuta dell’angolo 1×1 settimanale che sorregge il trend al rialzo da fine novembre del 2016 passante a 22040/21930, la tenuta del supporto statico a 22130 e il setup di lunedì 23 ottobre 2017 lanceranno il prezzo fino all’area 23670/23815 con punto centrale a 23790 livello che si ricava sommando al bottom storico del 24 luglio del 2012 di 12270 il quadrato di 90 unità settimanali.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.