-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 13 ottobre 2017

La volatilità fa le vacanze lunghe

 
I mercati non ci mostrano molte novità da commentare. 
Wall Street ha fatto nuovi massimi con Dow Jones e Nasdaq100, ma poi ha restituito i guadagni, retrocedendo fino a terminare col segno meno. Curioso il comportamento dell’indice SP500 che per la terza giornata consecutiva ha provato a lasciarsi alle spalle il livello di 2.555, senza riuscirci. Pertanto 2.555 comincia ad essere un ostacolo difficile da superare. Non i stupirei se questa difficoltà a rompere la resistenza diventasse un pretesto, per qualche investitore,  a prendere profitto, causando così un arretramento del mercato.
Lo stallo catalano ha tolto un argomento ai ribassisti, mentre il dato sui prezzi alla produzione in USA, uscito in rialzo abbastanza sostenuto, ha reso più probabile il rialzo dei tassi da parte della FED, fermando la svalutazione del dollaro, che si è vista nei giorni precedenti. Draghi, in un intervento a Washington, nel pomeriggio ha difeso la politica accomodante della BCE (Toronto: BCE-PRA.TO - notizie) , messa sotto pressione dalle critiche tedesche che si sono intensificate dopo le elezioni di settembre ed ha confermato per l’ennesima volta la sua intenzione di mantenere i tassi bassi molto a lungo, ben oltre la scadenza del QE, che verrà decisa nella prossima riunione BCE.
Ma nessuno di questi eventi è bastato a muovere significativamente gli indici. Tra i pochi che si sono mossi un po’ di più troviamo il nostro Ftse-Mib, che ha restituito due terzi del guadagno di circa un punto percentuale  realizzato mercoledì. Sono sempre i titoli bancari i responsabili delle oscillazioni, nel bene (mercoledì) e nel male (ieri). L’indice azionario delle blue chips italiane si trova comunque a 22.398, cioè all’incirca a metà strada tra il supporto di 22.060 e la resistenza di 22.860. Di (KSE: 003160.KS - notizie) strada ne deve ancora fare, sia la rialzo che al ribasso, per darci un’indicazione direzionale forte, che arriverebbe solo oltre i livelli di supporto e resistenza indicati. Potremmo quindi vederlo oscillare in trading range ancora per qualche giorno.
Sempre solido invece il Dax, anche ieri capace di mostrare il segno positivo, anche se lieve,  al termine della seduta. Va detto che l’indice tedesco, dopo lo sfondamento del massimo storico di 12.951, avvenuto il 4 ottobre, si è poi adagiato, con ben 6 sedute laterali e prive di volatilità, e ieri ha chiuso a 12.980. Direi che questo andamento, se dimostra solidità, non riflette certamente entusiasmo rialzista. 
Oggi dagli USA arriveranno i prezzi al consumo, che ci diranno se l’inflazione sta veramente rialzando la testa come ci ha mostrato ieri l’indice dei prezzi alla produzione
Non mancherà qualche trimestrale bancaria a mettere, forse, un po’ di vivacità al tranquillo tran tran degli indici americani. Ma solo se sarà diversa dalle attese degli analisti. 

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.