-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 16 ottobre 2017

Bridgewater: attacco all’Italia!

 
Nulla di particolare, nessuna novità era già successo nel 2011 e all’inizio del 2016 con il bail-in, loro non fanno che il proprio lavoro, hanno ricevuto l’informazione riservata dalla BCE (Toronto: BCE-PRA.TO - notizie) , sanno che i risparmi degli italiani sono stati in buona parte indirizzati li e si preparano a razziare le banche e assicurazioni italiane…
La settimana scorsa il più grande finanziere del mondo, Warren Buffett, ha scommesso sull’Italia, comprando il 9% di Cattolica. A distanza di una settimana, tuttavia, il più grande hedge fund al mondo Bridgewater Associates, ha scommesso 713 milioni di dollari sul ribasso delle azioni di cinque banche e una compagnia assicurativa italiana: Intesa Sanpaolo, UniCredit, Banco Bpm, Bper e Ubi e Generali. Si tratta «scommessa più ampia in Europa» fatta dal fondo speculativo.ore di un inasprimento delle regole Bce sui crediti deteriorati ha scatenato forti vendite sulle azioni delle banche italiane. Ciò sta premiando i fondi che hanno assunto posizioni ribassiste sulle banche italiane, come, emerge dai file sulle posizioni nette corte della Consob, gli hedge Marshall Wace, Oceanwood Capital Management, Aqr e Pdt Partners.
Bridgewater, che gestisce circa 160 miliardi di dollari di asset, ha assunto posizioni ribassiste anche su Prysmian (0,51%) ed Enel (0,5%). Le posizioni corte nette del gestore americano ammontano allo 0,5% del capitale di Generali, allo 0,61% di Banco Bpm, allo 0,51% di Bper, allo 0,5% di Intesa, allo 0,51% di Ubi e allo 0,61% di Unicredit. «Devo dirvi che secondo me perderanno una significativa opportunità di fare soldi con queste buone azioni italiane», ha commentato il consiglier delegato di Intesa, Carlo Messina. (R.Fi.)
Si certo Messina, come quando Renzi suggeriva di comprare MPS, un buon affare!
Ma Messina è quello che al bar metteva in giro la voce di essere interessato a Generali?
Scherzi a parte, direi che ne abbiamo abbastanza per stare in guardia, visto che dalla BCE non giungono buone nuove, sai Bellezza, non c’è nessuna bolla in giro e sui crediti bisogna fare molta attenzione…
Per il presidente della BceMario Draghi la ripresa è ampia e «soddisfacente». «I mercati non sono in una situazione di “bolla”» e «non vedo un aumento drammatico del debito pubblico nell’area euro», afferma il presidente della Bce da Washington, sottolineando che è un «buon momento per procedere» con il risanamento dei conti. A proposito del cosiddetto “addendum”, il documento della Bce che si occupa di Npl, Draghi afferma che si tratta, appunto, di un documento per la consultazione: l’industria e gli altri attori daranno il loro parere. Il problema degli Npl è «qui e deve essere affrontato. La Bce ha pubblicato un documento e chiesto commenti».
Se perfino quelli della Bocconi, si spingono a dichiarare morto l’ultimo pilastro di una costruzione le cui fondamenta sono in una palude, ovvero l’unione bancaria…
Hanno vinto i tedeschi: l’assicurazione europea dei depositi non si farà. Così si dà l’addio al completamento dell’Unione bancaria. In arrivo nuovi esami per le banche e forse il bail-in per i titoli pubblici. Per l’Italia tempi duri all’orizzonte?
Cambio di rotta della Commissione
Ormai è ufficiale: il terzo tassello della Unione bancaria, cioè l’assicurazione europea dei depositi, non arriverà mai. La proposta presentata dalla Commissione l’11 ottobre, anche se richiama nel titolo il “completamento dell’Unione bancaria”, segna di fatto la resa alla linea tedesca: l’assicurazione comune dei depositi non s’ha da fare.
La proposta della Commissione prevede infatti che il futuro European Deposit Insurance Scheme (Edis) faccia solo prestiti ai sistemi nazionali di assicurazione dei depositi, qualora abbiano esaurito i loro soldi. Non ci sarà quindi alcuna condivisione delle perdite
Voi fate un po come volete, io sono un ottimista ben informato!

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.