-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 13 ottobre 2017

Bond news - Euromacro


Non molte le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata. Occhi puntati sulla conferenza stampa di Draghi, in agenda nel pomeriggio.
In Germania l'Ufficio Federale di Statistica (Destatis) ha reso noto il dato definitivo relativo all'inflazione di settembre. L'indice dei prezzi al consumo è cresciuto dello 0,1% su base mensile ed è aumentato dell'1,8% su base annuale, in linea con le attese e con la rilevazione precedente.
L'indice armonizzato è invece rimasto invariato su base mensile ed è cresciuto dell'1,8% su base annua.
L'Istat rende noto che, nel mese di settembre 2017, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello 0,3% su base mensile e aumenta dell'1,1% rispetto a settembre 2016 (era +1,2% ad agosto), confermando la stima preliminare.
L'"inflazione di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari freschi, scende di tre decimi di punto percentuale (+0,7% da +1,0% di agosto), mentre quella al netto dei soli Beni energetici si attesta a +0,8% (era +0,9 nel mese precedente).
Su base annua la crescita dei prezzi dei beni si attesta a +1,0% (come ad agosto), mentre rallenta quella dei servizi (+1,3% da +1,6%).

Il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si conferma positivo e pari a +0,3 punti percentuali.
L'inflazione acquisita per il 2017 è pari a +1,3% per l'indice generale e +0,8% per la componente di fondo.
L'indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) aumenta dell'1,8% su base mensile – principalmente a causa della fine dei saldi estivi di cui il NIC non tiene conto – e dell'1,3% su base annua (era +1,4% ad agosto), confermando la stima preliminare.
In flessione i depositi overnight presso la Bce.

L'ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 657,254 miliardi di euro, dai 663,835 miliardi della lettura precedente. Scendono a 89 milioni di euro i prestiti marginali da 161 milioni della rilevazione precedente.
Spread BTP/Bund a 164 punti base nel pomeriggio.
Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta al 2,06%.
Sopra il riferimento i titoli di Stato tedeschi. Il Bund future di dicembre scende a 161,86 punti (+0,25%) ed il Bobl future si attesta a 131,49 punti (+0,12%).
(CC - www.ftaonline.com)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.