-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 28 settembre 2017

Utility - Settore flat, ma balzano Falck (+6,4%) e Alerion (+4,5%)

Ancora una seduta priva di direzionalita' per il Ftse Italia Servizi (inv.) che ha cosi' registrato una performance giornaliera inferiore a quella del principale indice di piazza Affari, cioe' il Ftse Mib (+0,9%), con quest’ultimo che ha beneficiato del deciso rialzo dei bancari (+1,9%). Sulla stessa lunghezza d'onda del paniere italiano anche lo Stoxx Europe 600 Utilities (inv.). Entrambi gli indici del comparto in esame hanno risentito del deciso rialzo dei rendimenti sui governativi europei, soprattutto sulle scadenze medio e lunghe.
Nel segmento delle Big Cap si e' distinta ancora una volta A2A (+1,1%), con gli investitori che sembrano aver apprezzato la decisione del management della multi-utility lombarda di accelerare nella strategia di sviluppo della produzione energetica da fonti rinnovabili, come testimonia l'annuncio di martedi' relativo all'acquisto di 18 impianti fotovoltaici con una potenza installata totale di 17 MW.
In lieve rialzo Enel (+0,3%) che prosegue nel processo di riorganizzazione della struttura societaria in Sud America, ma anche nell'espansione dell'attivita' nel business delle rinnovabili in questo continente. Nel dettaglio, la controllata Enel Americas (ex Enersis) ha sottoscritto interamente un aumento di capitale di Enel Brasil, salendo cosi' al 95,44% del capitale, con un investimento di circa 125 milioni di dollari statunitensi. Sempre ieri il governo brasiliano ha annunciato che il gruppo guidato da Francesco Starace si e' aggiudicato la licenza pluriennale per gestire la diga di Volta Grande grazie a un'offerta di circa 376 milioni di euro.
La giornata di ieri e' stata, invece, caratterizzata dalla lettera per Snam (-1,3%) in assenza di notizie societarie significative. Con la flessione di ieri, i titoli del colosso di San Donato si sono mangiati tutto il rialzo registrato nella seduta di martedi', quando le quotazioni erano balzate dell'1 per cento.
Nell'ambito delle Mid Cap, ieri e' tornato il denaro su Iren (+2,5%), con il Consiglio di amministrazione della multi-utility guidata da Massimiliano Bianco che nel pomeriggio di martedi' ha deliberato il rinnovo, con incremento a 2 miliardi, del programma Euro medium term notes (Emtn). La decisione del Cda di Iren mira a cogliere con tempestivita' le eventuali opportunita' di finanziamento offerte dal mercato attraverso future emissioni di bond.
Tra i titoli delle societa' a bassa capitalizzazione, cioe' le Small Capexploit per Falck Renewables (+6,4%) e per Alerion Clean Power (+4,5%). Nel dettaglio, i titoli del gruppo guidato da Toni Volpe hanno registrato il nuovo massimo del 2017 a piazza Affari e sono ritornati su livelli del lontano maggio del 2011 soprattutto sulla spinta delle due recenti operazioni di crescita esterna al di fuori dei confini italiani. Ricordiamo che lunedi' e' stata annunciata l'acquisizione di 115 MW di capacita' eolica in Svezia, e l'ingresso nel settore statunitense del fotovoltaico con l'acquisto del 99% delle quote del progetto Canadian Solar IS-42 per una capacita' di 92MW. Per quanto riguarda Alerion Clean Power ha mettere le ali al titolo ci ha pensato l'azionista Fri-El Green Power che nel tardo pomeriggio di venerdi' ha annunciato un'Opa totalitaria e incondizionata su tutte le azioni del gruppo quotato, a un corrispettivo unitario in contanti pari a 3 euro. Ancora vendite su K.R. Energy (-1,5%) che hanno praticamente annullato il bel rimbalzo di lunedi'.







www.marketinsight.it

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.