-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 22 settembre 2017

Unicredit poco mosso, ma la nuova governance piace agli analisti


 
La fotografia scattata in questo momento ad Unicredit (EUREX: DE000A163206.EX - notizie) restituisce l'immagine di un titolo senza infamia e senza lode. Dopo aver chiuso la sessione di ieri con un rialzo di due punti percentuali, quest'oggi Unicredit ha provato a spingersi in avanti, ma dopo aver segnato un massimo a 18,02 euro, ha innestato la retromarcia. Negli ultimi minuti il titolo passa di mano a 17,84 euro, con un frazionale rialzo dello 0,11% e oltre 9 milioni di azioni scambiate, contro la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a poco più di 14 milioni di pezzi.
Approvate dal Cda azioni per rafforzare la corporate governance
Unicredit non sta dando vita a particolari reazioni dopo le decisioni prese ieri dal Cda che ha approvato alcune azioni di rafforzamento della sua corporate governance e di semplificazione della struttura del capitale sociale della banca.
Il Board chiederà all'assemblea di attribuire ad esso la facoltà di presentare una propria lista di candidati alla carica di amministratore e di aumentare il numero degli amministratori tratti dalla lista di minoranza.
Inoltre sarà chiesta l'eliminazione del limite del 5% all'esercizio del diritto di voto, la conversione obbligatoria delle azioni di risparmio in ordinarie e di trasferire la sede sociale della banca da Roma  Milano. Le deliberazioni riguardanti la conversione obbligatoria delle azioni di risparmio in azioni ordinarie saranno sottoposte anche all'approvazione dell'assemblea speciale degli azionisti di risparmio che si terrà lo stesso giorno, il 4 dicembre prossimo.
Focus sulla converzione delle azioni di risparmio in ordinarie
La conversione delle risparmio in ordinarie è finalizzata a conseguire una generale semplificazione della struttura di capitale, con conseguente risparmio di costi.
Se l'operazione avrà il via libera dell'assemblea, il rapporto di conversione prevede per ogni azione di risparmio la corresponsione di 3,82 azioni ordinarie, aventi godimento regolare, oltre ad un conguaglio pari a 27,25 euro.
La conversione obbligatoria delle risparmio sta mettendo le ali alle azioni di questa categoria che passano di mano a 93,95 euro, con un rally di oltre il 38% e più di 27mila titoli scambiati, contro la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 700 pezzi.
Da segnalare inoltre che secondo la stampa il Cda di Unicredit avrebbe anche espresso dubbi sul progetto di Mediobanca (Milano: MB.MI - notizie) di spostare in una holding la quota del 13% posseduta in Generali (EUREX: 566030.EX - notizie) .
Il commento di Equita SIM
Secondo gli analisti di Equita SIM la nuova governance è in linea con quanto anticipato nel piano industriale di Unicredit. Confermata la view positiva sul titolo che per la SIM milanese resta da acquistare con un prezzo obiettivo a 20,7 euro.
La view di Bca IMI e di Mediobanca
Anche Banca IMI giudica positivamente i cambiamenti annunciati, in quanto gli stessi rafforzano la corporate governance e semplificano la struttura del capitale sociale. Gli analisti mantengono così una view bullish su Unicredit, reiterando la raccomandazione "add", con un target price a 20 euro.
A scommettere su Unicredit è anche Mediobanca Securities secondo cui il titolo è destinato a sovraperformare il mercato con un fair value a 22 euro. Gli analisti hanno calcolato che la conversione delle azioni di risparmio costerà circa 20 milioni di euro, di cui però solo un tero in contanti.
Cauta la strategia di Bca Akros
Infine, è più cauta la strategia di Banca Akros che su Unicredit ha una raccomandazione "neutral", con un prezzo obiettivo a 18,8 euro. Gli esperti segnalano che il cambio di governance del gruppo è in linea con le best practice internazionali e con le aspettative del mercato.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.