-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 5 settembre 2017

Unicredit: confermate linee guida piano 2019. Per i broker è buy


Nessun segnale di ripresa per Unicredit che, dopo aver ceduto quasi mezzo punto percentuale ieri, continua ad indietreggiare oggi, mostrando una maggiore debolezza relativa rispetto al mercato e occupando una delle ultime posizioni nel paniere del Ftse Mib. Il titolo in realtà ha anche provato a recuperare terreno nelle battute iniziali, ma dopo un massimo a 17,31 euro, ha cambiato direzione di marcia e ora viene fotografato a 17,06 euro, con un rosso dello 0,99% e oltre 4,,7 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, contro la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 15,5 milioni di pezzi.

Confermate le linee guida del piano industriale al 2019

Unicredit arretra malgrado il top management in una recente presentazione abbia confermato le linee guida del piano industriale al 2019, basato esclusivamente sulla crescita organica.


Gli analisti di Equita SIM riportano i principali spunti emersi dalla presentazione, da cui si evince che come dimostrato dal mancato big sulle banche venete, il piano industriale di Unicredit è organico e si fonda su ipotesi di crescita stand-alone. 
Superato l’orizzonte del 2019, tutte le opzioni sono aperte, ma devono essere coerenti con vincoli di creazione di valore sostenibili, visto che il piano di incentivo del top management ha scadenza 7 anni.

Contesto macro UE migliore rispetto alle ipotesi del piano

In generale il contesto macroeconomico a livello europeo è ben distribuito nei vari Paesi ed è migliore rispetto alle ipotesi del piano di Unicredit, con un PIL dell'area euro in rialzo rispettivamente dell'1% e dell'1,3% quest'anno e il prossimo.

Oltre ad altri fattori, questo trend ha portato a ridurre la stima di costo del rischio 2017 intorno ai 60 punti base dai 65 indicati in precedenza, mentre la stima di Equita SIM è pari a 59 basis points.
Dalla presentazione è emerso inoltre che la competizione sul mercato domestico, che rappresenta circa il 50% dei volumi di gruppo, resta sostenuta specie perché l’abbondante liquidità generata dal TLTRO viene riversata sugli impieghi a breve.
Il progressivo rimborso del TLTRO a partire dalla seconda metà del prossimo anno dovrebbe migliorare il contesto competitivo.
In Austria l’eventuale pronuncia favorevole della Corte costituzionale sul tema delle passività previdenziali potrebbe portare a rilasci di accantonamenti per 800 milioni di euro.
Da segnalare inoltre che la performance operativa del Corportae&Investment Banking, che insieme al CBK Germany è stata una delle sorprese positive del primo semestre in termini di generazione di ricavi, è sostenibile perché prevalentemente client-driven.

Atteso CET1 fully loaded stabile al 12,8%

Per fine anno è stato confermato che il nuovo principio contabile IFRS9 e la regolamentazione dovrebbero assorbire il beneficio dalla cessione di Pioneer.

Il Common Equit Tier 1 fully loaded dovrebbe quindi restare stabile al 12,8%, rispetto al 12,5% quale target per il 2019.
A partire da tale data è stata confermata la stima di un impatto negativo di Basilea 4 fully phased nell'ordine di 150 punti base, da compensare con la generazione di utile di due anni visto un Rote superiore al 9% e un pay-out del 20%.

Equita SIM e Berenberg restano bullish sul titolo

Dopo la conferma delle linee guida del piano, Equita SIM ha confermato la sua view bullish su Unicredit, reiterando la raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 20,7 euro. 
A scommettere sul titolo è anche Berenberg che invita ad acquistare, con un target price rivisto al rialzo il mese scorso da 15 a 16 euro.

Con riferimento al fatto che dopo il piano al 2019 basato sulla crescita organica tutte le opzioni sono aperte, secondo il broker si potrebbe tornare a speculare su una possibile fusione tra Unicredit e Societè Generale.
Gli analisti però ritengono improbabile un simile deal visto che andrebbe in direzione contraria all'attuale regime regolatorio che punta su una minore complessiva e su una maggiore semplicità delle banche.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.