-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 12 settembre 2017

SETTORE PETROLIFERO - Caccia ai ritardatari.

FATTO
L'indice EuroStoxx Energy che raggruppa i principali protagonisti del settore petrolifero del Vecchio Continente è il peggiore da inizio anno con una perdita del 10% circa.

Nello stesso periodo l'indice Eurostoxx Globale ha guadagnato l'8%. In cima alla classifica settoriale brilla l'indice Eurostoxx Utility con un +20%.

Il ritardo degli energetici si spiega facilmente con la debolezza del prezzo del greggio. Il Brent è in perdita del 6% dal primo gennaio, se il prezzo è espresso in Dollari USA, ma addirittura del 17% se il prezzo è espresso in Euro.

Finora, i tentativi dei Paesi produttori organizzati nell'Opec di risollevare la quotazione hanno ottenuto solo risultati parziali, mentre (non bisogna mai dimenticarlo) la domanda di petrolio è strutturalmente in crescita e in accelerazione rispetto agli anni passati.

Nel mese di luglio l'Agenzia Internazionale dell'Energia (EIA) ha alzato le proprie stime per il 2017. Ora vede un incremento di 1,5 milioni di barili al giorno (contro 1,4 milioni stimati in precedenza) a quota 97,6 milioni di barili/giorno. Per il 2018 l'Agenzia prevede un'espansione della domanda per ulteriori 1,4 milioni di barili al giorno.

EFFETTO
Graficamente, il trend di lungo periodo è ancora "vittima" del crollo verticale partito dalla crisi dei subprime. L'immagine sotto mette in evidenza il fortissimo supporto verso 240 punti che ha respinto più volte l'assalto dei ribassisti.

Dal minimo 2016 è in costruzione un canale moderatamente crescente che ha incontrato un primo serio ostacolo a ridosso della trendline discendente evidenziata. 

Segnali di forza si vedranno sopra 330 punti con obiettivi successivi verso 370/400 punti..

Quadro grafico dell'indice Eurostoxx Energy (294 punti).























Operatività. La debolezza attuale, secondo noi, è una occasione interessante per accumulare in vista di un ritorno sui massimi di inizio 2017 a 330 punti., con un primo step a 300 punti. 

Per investire sul settore Energy europeo, giocandosi una chance sul recupero del comparto, uno degli strumenti messi a disposizione è il seguente:

ETF Spdr MSCI Europe Energy UCITS (EUR) 
Isin: IE00BKWQ0F09
(STNX.MI)

Lo strumento, che gode del punteggio più alto espresso dagli specialisti di Morningstar (5 stelle), punta a replicare la performance dell'indice MSCI Europe Energy cha a sua volta investe nelle principali azioni del settore energetico europeo. I dividendi delle singole società non vengono distribuiti ma reinvestiti nel fondo (accumulazione). L'indice di spesa complessiva è pari allo 0,30% annuo.

www.websim.it

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.