-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 4 settembre 2017

Piazza Affari: rimanere investiti o vendere? Titoli e strategie


 
Di (KSE: 003160.KS - notizie) seguito riportiamo l'intervista realizzata a Fabrizio Brasili, analista finanziario, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale situazione dei mercati e in particolare di Piazza Affari.
Chi volesse contattare Fabrizio Brasili può scrivere all'indirizzo email: f.bsuperguru@yahoo.it.
I mercati azionari americani si stanno riportando in direzione degli ultimi massimi storici, trainando al rialzo anche le Borse europee. Lo scenario complessivo è ancora favorevole all’azionario nel breve?
Il trend è il tuo migliore amico. Questa regola, mutuata dai mercati anglosassoni, vale sempre fino a prova contraria, ossia fino a quando lo stesso trend non venga bruscamente interrotto.
Tutti i segnali e i numerosi indici, anche fatti in casa, come Shiller,  Buffett, Williams etc, si attendono ormai da mesi un più o meno poderoso storno che non accenna ad arrivare.
I vari price-earnings, misurati con diversi sistemi, sono alle stelle e sui livelli degli ultimi top ante "sboom" del 2000/2001 e 2008/2009.
I mercati si stanno divertendo a confondere le acque e non ci pensano nemmeno lontanamente ad avvisare dell'imminente pericolo.
Noi pensiamo che sia opportuno munirsi di pazienza ed estrema attenzione: il consiglio è di rimanere pure investiti, però solo su titoli sani, strumenti non complicati, e storie plausibili, che noi segnaliamo costantemente ogni giorno ai nostri abbonati.
Dopo aver coperto il rischio oscillazioni, vendendo opzioni e guadagnando pure, rimaniamo investiti, ma saremo pronti ad uscire repentinamente dai mercati.
I mercati quindi si muoveranno ancora, sempre oscillando in un range stimabile attorno ad un 5%, con possibili veloci estensioni intraday, più al ribasso che al rialzo.
A Piazza Affari il Ftse Mib è nuovamente a poca distanza dalla resistenza dei 22.000 punti. Ci sono buone probabilità che questo livello sia superato al rialzo nel breve? Quali i possibili sviluppi?
Sul nostro Future Dicembre, quello che ormai monitoreremo per tutto l'autunno, non ci aspettiamo qualcosa di diverso, ma se mai amplificato, considerando la enorme componente bancaria ed assicurativa presente nel suo indice.
Per concludere ed integrare anche la domanda precedente, ci aspettiamo uno storno entro il prossimo mese di marzo, massimo all'inizio della primavera.
Di conseguenza la copertura con vendita opzioni sul nostro future e titoli, va fatta con vendita di opzioni call, eliminando piano piano tutte le put, con il passare dei mesi.
Inoltre la vendita delle call in progressione va fatta sempre più at the money, cioè sui prezzi del sottostante titolo o asset, fino ad arrivare anche in the money in inverno.
Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) settore assicurativo ci sono dei titoli che più di altri presentano configurazioni grafiche interessanti a Piazza Affari? A quali consiglia di guardare ora?
Dopo le considerazioni fatte precedentemente, preferiamo di gran lunga il titolo UnipolSai (Amsterdam: UQ8.AS - notizie) , ormai stabilizzato fra gli 1,90 e i 2,10 euro, con possibilità di estensioni dopo il generosissimo stacco cedola annuale sotto tale soglia ed anche, in minor misura, leggermente sopra.
E' ottimale ora su questi supporti e resistenze fare un comodo trading opzionario.
Telecom Italia (Amsterdam: TI6.AS - notizie) continua a mostrare un andamento debole, mentre STM (Shenzhen: 000892.SZ - notizie) sta provando ad allungare in direzione dei 15 euro. Quali strategie ci può suggerire per questi due titoli?
Anche nel caso di Telecom Italia preferiamo di gran lunga le azioni di risparmio, sempre in comodo range 0,64/0,68 euro, che si presta a trading sia sul titolo che con vendita opzioni su strike 0,62/0,68. La preferenza per le azioni di risparmio viene accordata anche in ragione del consueto dividendo, a differenza di quanto avviene per le ordinarie.
STM è un titolo molto "tirato" che in caso di violento storno può amplificare la caduta, anche per via del settore al quale appartiene.
Il dollaro sta provando a recuperare terreno tanto nei confronti dello yen quanto dell’euro. Cosa si aspetta per questi due cross nel breve?
Ritorniamo sul cross euro-dollaro e dollaro-yen. Entrambi traccheggeranno rispettivamente fra 1,1760-1,2060 e 109,50-111,50, senza infamia e senza lode, con il solito tiro alla fune fra le varie Banche Centrali.
Questo darà spazio, anche nell'insidioso e difficile Forex, ad un sano trading, ma attenzione alle bizze di Trump, ai venti di guerra della Corea del Nord e soprattutto ad un possibile avvicendamento alla Casa Bianca.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.