-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 1 settembre 2017

Piazza Affari: la prudenza è d'obbligo. I titoli di settembre


Anche agosto è stato archiviato con un bilancio positivo a Piazza Affari dove il Ftse Mib ha messo a segno un rialzo di quasi un punto percentuale, ben più contenuto però rispetto a quello del mese precedente, quando l'indice delle blue chips aveva portato a casa un progresso di oltre il 4%.

Mercato azionario sostenuto da buoni dati macro ad agosto

A sostenere il mercato hanno contribuito una serie di sorprese positive sul fronte macro in America, ma le buone notizie non sono mancate neanche in Europa, dove il ciclo economico è in miglioramento e gli ultimi aggiornamenti macro sono coerenti con un ritmo di crescita per l'economia intorno al 2,5%.

Equita SIM: 5 motivi che inducono alla prudenza su Piazza Affari

Questo però non ha indotto Equita SIM a cambiare approccio sull'azionario italiano, tanto che gli analisti mantengono una view cauta con un peso dell'equity effettivo pari al 90% rispetto al 95% del benchmark.


Sono sostanzialmente cinque i motivi chiave alla base di questa strategia, a partire dal fatto che gli analisti vogliono mantenere una riserva di liquidità da utilizzare per approfittare di eventuali correzioni. Al momento infatti non vedono nuove idee di investimento che offrano un sufficiente margine di sicurezza.
In secondo luogo gli esperti di Equita SIM temono il momento in cui la BCE interromperà gli acquisti di bond viste le distorsioni che il quantitative easing ha causato sul mercato.

I rendimenti del credito high yield in Europa sono ora inferiori al livello cui trattano i Treasuries americani e la percentuale di leveraged loans covenant lite, cioè con limitate protezioni a favore del creditore, ha raggiunto in Europa il 70%.
Un altro fattore che induce alla cautela è la convinzione che proseguirà l’allargamento dello spread dei BTP di cui si sono visti i primi sintomi nelle scorse settimane, complice l'approssimarsi delle elezioni politiche che dovrebbero tenersi in Italia nel secondo trimestre del prossimo anno.
La prudenza degli analisti è giustificata anche da alcune indicazioni che arrivano dagli Stati Uniti, dove la debolezza delle vendite di auto e immobili segnala che l’aumento dei tassi di interesse da parte della Fed, per quanto limitato, sta frenando la domanda delle famiglie a causa dell’eccesso di debito.

Probabilmente per lo stesso effetto i buy-back delle aziende, da anni il principale compratore di azioni sul mercato, sono in calo del 20% su base annua.
Infine, gli analisti di Equita SIM segnalano che a Wall Street il quadro tecnico sta peggiorando, visto che la percentuale di titoli che sono sotto la media mobile a 200 giorni ha superato il 50%.
Questo, spiegano gli esperti, significa che gli indici azionari restano vicini ai massimi storici grazie ad un numero di titoli sempre più ristretto.

Unipol: aumenta il peso del titolo in portafoglio

Quanto al portafoglio titoli consigliato a Piazza Affari, la SIM milanese non ha apportato particolari modifiche, salvo quella riguardante Unipol, il cui peso è stato alzato di 50 punti base dopo la recente performance negativa.

Gli analisti continuano a scommettere sulla soluzione definitiva dei problemi della controllata bancari e ribadiscono così la raccomandazione "buy" su Unipol, con un prezzo obiettivo a 4,75 euro.

Le blue chips su cui puntare a settembre

Confermati in portafoglio per settembre gli altri titoli già segnalati il mese scorso e tra i finanziari oltre al già citato troviamo Banco BPM, UBI Banca, Intesa Sanpaolo e Unicredit, mentre nel settore del lusso i due titoli scelti sono Luxottica e Moncler.
In portafoglio anche A2A ed Enel, Atlantia, ENI, Ferrari, Brembo, CNH Industrial e Telecom Italia nella versione risparmio.


 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.