-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 7 settembre 2017

La verità sull'oro a Fort Knox

Uno degli elementi poco conosciuti nel bilancio della FED è un asset vitale che ha ricevuto dal Tesoro USA molto tempo fa...
Durante la Grande Depressione, nel 1933, il presidente Roosevelt emise un ordine esecutivo che richiedeva a chiunque avesse oro di consegnarlo ad una banca Federal Reserve o a qualsiasi membro del Federal Reserve System.
Inoltre le banche Federal Reserve richiesero alle banche commerciali di consegnare il loro oro alla FED. All'improvviso l'oro usciva dalle banche commerciali ed entrava nella Federal Reserve.
Con il Gold Reserve Act del 1934, alla FED veniva ordinato di cedere tutto il suo oro al Dipartimento del Tesoro. Tutto l'oro della nazione era di proprietà dello stato.
Questo è il punto chiave: la Federal Reserve è in realtà un sistema privato (Nota del traduttore: qui Rickards si sbaglia perché le banche regionali Federal Reserve sono private, non la Federal Reserve stessa), mentre il Tesoro USA è un braccio del governo degli Stati Uniti; e il quinto emendamento impedisce al governo di prendere proprietà private senza un giusto compenso.
Il "giusto compenso" era un certificato che il Tesoro USA emise alla FED in cambio del suo oro fisico.
Ad oggi la FED ancora possiede quei certificati sul suo bilancio.
Il Tesoro USA valuta ufficialmente il suo oro a $42 l'oncia. Questo era il prezzo ufficiale dell'oro nel 1973, due anni dopo che gli Stati Uniti abbandonarono il sistema di Bretton Woods. Naturalmente il prezzo di mercato dell'oro oggi è di $1,300 l'oncia.
Ma se prendete il valore nominale dell'oro sul bilancio della FED, lo dividete per $42 l'oncia e poi convertite il numero risultante in tonnellate, il totale è oltre 8,000 tonnellate.
Questo è molto interessante, perché è quanto oro il Tesoro USA possiede attualmente.
Il Tesoro USA ha bisogno di almeno 8,000 tonnellate d'oro per sostenere quei certificati di carta che ha consegnato alla FED nel 1930.
Se prendete le 8,000 tonnellate nel bilancio della FED e fate un mark to market a $1,300, otterrete ben $300 miliardi.
Nessuno ne parla , ma tutto il nostro sistema è basato sull'oro.
E l'oro a Fort Knox? Si trova davvero lì?
C'è molta confusione su questo argomento.
Innanzitutto Fort Knox è stato costruito nel 1937 in parte per immagazzinare l'oro che il Tesoro USA stava prendendo dopo il Gold Reserve Act. L'oro era stato tenuto nei caveau nel seminterrato del Tesoro USA, però lo spazio era poco quindi è stato costruito Fort Knox.
Molti gold bug e teorici della cospirazione dicono che non c'è oro a Fort Knox. Secondo loro il motivo per cui il governo non verificherà tali riserve è perché l'oro non è più lì.
Ma la verità è un'altra.
Immedesimatevi nella FED o nel Tesoro USA: vorreste davvero che la gente pensi che l'oro sia importante? Quindi perché soddisfare questa verifica?
Si verificano le cose importanti, non le cose che non hanno importanza. Se la FED non vuole che pensiate che l'oro sia importante, ne consegue che non effettuerà verifiche. La verifica significherebbe dare troppo all'oro.
Sono a favore di una verifica, tanto per essere chiari, ma il fatto che il governo non verifichi l'oro non ci dice se l'oro non è lì. Non vogliono che ci prestiamo attenzione.
Ma l'oro è effettivamente a Fort Knox?
Lasciatemelo dire subito: sì, l'oro è lì. In realtà ho alcune prove da fonti militari.
Per inciso, la maggior parte delle persone pensa che tutto l'oro del Tesoro USA sia a Fort Knox, ma non è così. Poco più della metà dell'oro è a Fort Knox, il resto è conservato a West Point sul fiume Hudson a New York.
A volte le persone mi chiedono chi controlli l'oro: la FED o il Tesoro USA?
Risposta: nessuno dei due. L'esercito statunitense controlla l'oro perché sia Fort Knox che West Point sono basi dell'esercito. L'esercito ce l'ha sotto chiave, ma tecnicamente appartiene al Tesoro USA.
Alcune persone, come i trader in metalli preziosi del calibro di Eric Sprott, sostengono che l'oro possa benissimo essere a Fort Knox, ma che è stato dato in leasing alle banche commerciali. Sì, potrebbe essere stato dato in leasing, ma questa è un'operazione nasata sulla carta. Non significa che il governo abbandoni il possesso dell'oro.
Se JPMorgan, per esempio, dà in leasing l'oro del Tesoro degli Stati Uniti, non significa che fanno partire un camion da Fort Knox e spostano l'oro. Non ce n'è bisogno. È solo un'operazione basata sulle carte. L'oro potrebbe trovarsi su uno scaffale a Fort Knox ed essere dato in leasing.
Una volta che JPMorgan (Londra: JPIU.L - notizie) ha l'oro, lo venderà a 100 volte o più agli investitori che pensano di aver acquistato oro reale. Ma ciò che hanno comprato veramente è quello che viene chiamato oro non allocato. Un eufemismo per dire che non è oro fisico.
Se contattate JPMorgan e gli dite che volete acquistare un milione di dollari in oro, sarà d'accordo. E vi invierà una conferma che possedete un milione di dollari in oro secondo il contratto. Ma se leggete la copia del contratto, dice che il vostro oro non è allocato.
Ciò significa che non pretende di avere una barra specifica con un numero di serie o il vostro nome su di essa. In realtà prende la stessa barra d'oro e la vende a 100 investitori diversi.
Non è un problema a meno che tutte le 100 parti si presentino contemporaneamente e chiedano di avere il loro oro. La prima persona potrà ottenerlo, ma le altre 99 verranno lasciate con un pugno di mosche in mano. Riceveranno un assegno per il valore dell'oro, ma niente di fisico.
È così che si scopre che JPMorgan non ha oro.
La morale della storia è che non ho visto alcuna prova che l'oro non sia a Fort Knox; e ho visto prove che l'oro è in realtà lì.
Gran parte potrebbe essere stato dato in leasing, ma tutte le prove mi dicono che l'oro è a Fort Knox ed a West Point.
E se foste gli Stati Uniti d'America, perché lasciare l'oro fuori dalla vostra vista?
Di James Rickards
Traduzione di Francesco Simoncelli

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.