-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 8 settembre 2017

La giornata dell’ECB è iniziata con un tono cautamente positivo

 
La giornata dell’ECB è iniziata con un tono cautamente positivo. Parte del merito va all’accordo tra Trump e i Democratici per un budget ed un aumento del debt ceiling temporanei emerso ieri sera, anche se non sono pochi ad aver osservato che:
  • si tratta solo di un breve rinvio che sposta il  problema a fine anno, un periodo generalmente cruciale.  Non a caso, la correzione dei rendimenti dei T-bill a 4 settimane è stata bilanciata da un rialzo di quelli a 3 mesi.
  • il deal è un dito in un occhio ai Repubblicani, e alimenterà la frattura tra  la  Presidenza e questi ultimi (sempre che alla fine vada in porto).
  • Con l’ultimo trimestre dell’anno occupato dalle trattative su budget, debt ceiling, immigrazione etc, la riforma valutaria passa sicuramente al  2018 (non che sia una notizia che possa ormai sconvolgere qualcuno.
Considerazioni di questo tipo hanno forse temperato il sentiment in Asia, insieme con una comprensibile correzione dei mercati cinesi, che ha levato un po di spunto agli altri indici sul finire della seduta.
Il tono costruttivo con cui è  partita la seduta europea si può ascrivere in parte ad un catch up con le news da Washington,  arrivate a mercati chiusi ieri sera, e in parte ad attese di un meeting ECB cauto. Uno stato d’animo non condiviso dall’€,  che è andato incontro all’ECB in netto recupero rispetto alle chiusure di ieri.
Venendo al meeting, misure e statement sono stati lasciati invariati come da  attese, compresa la  guidance sugli acquisti e quella sui tassi. Le  projections hanno preso nota del miglioramento del quadro macro, con un incremento di 0.3% della stima di GDP 2017. Per contro, lo scenario inflattivo ha visto una limatura di 0.1% per i prossimi 2 anni.
Sul  QE, Draghi ha concesso che sono state esaminate delle opzioni,  ma ha rinviato tutto a ottobre per le  decisioni.
Quanto al problema del cambio,  è  stato chiaramente dichiarato che la recente volatilità  è  una fonte di preoccupazione  per le  sue implicazioni sullo scenario inflattivo (vedi riduzione delle stime), e che comunque per effetto dell’apprezzamento le  condizioni finanziarie nell’Eurozone si sono inasprite,  anche se sono ancora generalmente accomodanti. Draghi ha ammesso che i livelli della divisa hanno un peso sulle decisioni di politica monetaria, ma ha ribadito che il cambio non è un target.
Ha infine osservato che il  rafforzamento riflette in parte le buone condizioni del ciclo europeo, e in parte la debolezza del  dollaro.
Su quest’ultima osservazione poggia almeno in parte, a mio modo di vedere, la reazione del mercato. L’overshooting dell’€  ha parecchio a che vedere con una fase di estrema debolezza del Dollaro.  In quanto tale sfugge in parte al controllo dell’ECB, che nel esporsi per cercare di contenerla rischia di sprecare risorse e capitale in termini di credibilità. Per questo motivo oggi il  Governing Council ha scelto di esprimere preoccupazione e attenzione,  ma di evitare un attacco frontale alla  divisa.
La reazione è stata coerente.
L’€ ha continuato ad apprezzarsi rapidamente,  costituendo la  punta di un generale assalto al biglietto verde.  In serata i movimentio si stanno lievemente mitigando, ma restano rilevanti, cosi come la reazione del mercato dei tassi.
Al momento, i mercati dei cambi e dei tassi sembrano preda di un circolo vizioso: una crescente impasse politica a Washington, una FED in fase di smobilizzo, un quadro inflattivo debole e  le  incognite uragani stanno esercitando forti pressioni sui tassi US e sul  Dollaro. In questo contesto la Nordcorea costituisce un ulteriore elemento di pressione sui treasuries.
Questi 2 fattori (dollaro debole  e tassi US compressi) esercitano pressioni disinflattive globali, inducendo le altre banche centrali (ECB in peimis) a contrastarle mantenendo politiche monetarie espansive, il che comprime ancora di più i tassi, deprime  le  attese di rialzo dei Fed Funds,  indebolisce il  dollaro, e cosi via.
La  price action odierna sembra subire in pieno il meccanismo: Draghi ha lasciato intendere che ulteriori apprezzamenti impatteranno sulle  decisioni a ottobre? E il mercato dei bonds europei ha reagito alla debacle del $ rinviando nel tempo la riduzione del QE. Ciò si è manifestato con un robusto calo dei rendimenti core, ed un rally furioso dei periferici, primi beneficiari di un eventuale proroga del QE superiore alle attese. Anche l’azionario europeo ha reagito positivamente, mostrando un insolita resilience di fronte alla forza della divisa. Naturalmente le banche, sui 2 lati dell’oceano, non hanno affatto gradito.  Da qualche giorno le  mutate prospettive sui tassi si fanno sentire sui rispettivi settori.
Detto questo,  vale  la  pena di osservare che questo stato di cose sta producendo alcune aberrazioni.
La curva monetaria US sconta appena il  25% di probabilità  di un rialzo entro dicembre prossimo e, attenzione, non sconta interamente un rialzo dei tassi nemmeno entro il 2018. Il terminal rate è  indicato a 1.5% circa.
E i rendimenti sulla parte lunga della curva US sono calati ai minimi dell’anno, una price action bizzarra in considerazione della robusta svalutazione del  $ (oltre il 6% in meno di 3 mesi).
Personalmente, mi attenderei che a fronte di una svalutazione robusta (in un paese con forte deficit commerciale), un rimbalzo di alcune commodities, un ciclo  in fase di accelerazione, e con l’incertezza dovuta agli uragani (Harvey ha causato un aumento del 10 % della benzina alla pompa) i mercati dei tassi scontassero un minimo di inflazione in più. In realtà  la curva dei tassi US e il $ sembrano quanto mai prossimi a prezzare un significativo rallentamento, e una FED paralizzata. Il che non è impossibile, ma al momento non mi pare lo scenario centrale.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.