-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 20 settembre 2017

La Fed avvia storica riduzione del bilancio, ma durerà anni

Roma, 20 set. (askanews) - "Intendo portare a termine il mio mandato". Altro non ha voluto dichiarare, la presidente della Federel Reserve Janet Yellen. Se non che non ha avuto ulteriori incontri con il presidente Usa Donald Trump, che non sembra scalpitare all'idea di confermarla a capo della Banca centrale Usa. "Davvero non intendo commentare in merito alle mie intenzioni dopo la scadenza del mandato".Roma, 20 set. (askanews) - La manovra di progressiva riduzione dell'ammontare di titoli in bilancio della Fed inizierà al ritmo di 10 miliardi di dollari al mese, a partire da ottobre, e proseguirà in lenta accelerazione fino a raggiungere un massimo di 30 miliardi di dollari al mese di titoli che non verranno rinnovati a scadenza, in riferimento ai treasuries. Lo ha riferito la presidente della Fed Janet Yellen, aggiungendo che sulle emissioni di altre agenzie Usa il ritmo massimo di riduzione mensile sarà di 20 miliardi di dollari.
 Una gradualità, che dalla prospettiva di vista europea fa capire quanto sia delicata la fase di riduzione degli acquisti che a breve si troverà a gestire la Bce nell'area euro, posto che nel suo caso il piano di acquisti di titoli è iniziato molti anni dopo di quello targato Fed e che è ancora in pieno svolgimento (la sua graduale moderazione è attesa dal 2018).
Tornando alla Fed, i tassi di interesse sono stati mantenuti nella forchetta tra l'1 e l'1,25 per cento, in linea con le attese, e la Fed confermato l'orientamento ad un nuovo incremento da 25 punti base a dicembre.
Gli annunci sui bond hanno provocato un immediato balzo del dollaro, con l'euro specularmente sceso fin sotto quota 1,19 laddove, prima degli annunci, si attestava al di sopra di 1,20 dollari. La valuta condivisa a ha segnato un minimo a 1,1860.
Il tutto mentre la ripresa economica degli Stati Uniti procede "moderata", secondo le valutazioni illustrate dalla presidente Janet Yellen al termine del direttorio, il Fomc. Uno dei primi temi toccati, dopo quello delle riduzioni di bond, è stato l'impatto del devastante passaggio degli uragani quest'anno. Si sentirà sul Pil del III trimestre e forse sul IV, "il recupero richiederà tempo", ha detto.
Comunque la Fed ha rivisto al rialzo le stime per l'anno in corso e per il 2019 e ha lasciato invece ferme quelle per l'anno prossimo. Le stime sul mercato del lavoro sono rimaste invariate per l'anno in corso e sono migliorate per il 2018. In particolare, per il 2017, la Banca Centrale americana attende una crescita del prodotto interno lordo al 2,4%, mentre a giugno aveva parlato del 2,2%. Quest'anno il tasso di disoccupazione dovrebbe attestarsi al 4,3%, come la stima precedente.
La Fed ha già effettuato due rialzi dei tassi nel 2017, ce n'era stato uno a dicembre 2016 e, ancora prima, a dicembre del 2015. Prima di allora, l'ultima volta che la Fed aveva alzato i tassi era stata a giugno 2006. A fronte di prospettive economiche che restano "altamente incerte", ha aggiunto la Yellen, il previsto percorso di aumento graduale dei tassi resta sostanzialmente invariato.
Come vuole la tradizione della politica monetaria, Banca centrale non si è preclusa la possibilià di ripensamenti sulla riduzione dei bond in bilancio: se il quadro dovesse deteriorarsi, ha chiarito la Yellen, il direttorio potrebbe sempre decidere di riavviare gli acquisti.
Infine, poche frasi sul suo futuro (incerto). "Intendo portare a termine il mio mandato", ha detto. Altro non ha voluto dichiarare, se non che non ha avuto ulteriori incontri con il presidente Usa Donald Trump, che non sembra scalpitare all'idea di confermarla a capo della Banca centrale Usa. "Davvero non intendo commentare in merito alle mie intenzioni dopo la scadenza del mandato".

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.