-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 18 settembre 2017

Borse: settimana della Fed e non solo. Ecco i vari market movers

 
La settimana di Borsa iniziata oggi sarà senza dubbio dominata dall'atteso per l'appuntamento chiave in agenda mercoledì, quando la Fed annuncerà la sua decisione sui tassi di interesse, destinati a rimanere fermi sui livelli attuali. Il mercato si attende che la Banca Centrale americana annunci l'avvio del programma di riduzione del bilancio a partire da ottobre, ma sarà interessante valutare anche le nuove previsioni sul PIL e sull'inflazione, per cercare di intuire la tempistica relativa ai prossimi ritocchi all'insù del costo del denaro.
Le prossime giornate saranno comunque scandite anche da numerosi dati macro da seguire con attenzione tanto negli Stati Uniti quanto in Europa.
I market movers in America
Domani sul fronte macro Usa oltre all'indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa sarà diffuso il dato relativo alla bilancia delle partite correnti che nel secondo trimestre dovrebbe mostrare un saldo negativo di 115,1 miliardi di dollari, in recupero rispetto al rosso di 116,8 miliardi dei primi tre mesi dell'anno.
Per i prezzi import di agosto le stime parlano di una variazione positiva dello 0,2% rispetto allo 0,1% di luglio, mentre i nuovi cantieri edili ad agosto dovrebbero salire da 1,155 a 1,168 milioni di unità e le licenze di costruzione calare da 1,223 a 1,2 milioni di unità.
Sul versante societario da segnalare a mercati chiusi i conti trimestrali di Adobe Systems (Swiss: ADBE.SW - notizie) e di FedEx (Swiss: FDX-USD.SW - notizie) , dai quali ci si attende un utile per azione pari rispettivamente a 1,01 e a 3,11 dollari.
Mercoledì sarà reso noto l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari, ma ancor più rilevante sarà il dato sulle vendite di case esistenti che ad agosto dovrebbero salire da 5,44 a 5,48 milioni di unità.
Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) pomeriggio sarà diffuso il consueto report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia.
L'evento clou della seduta è rappresentato dal meeting della Fed che si concluderà con l'annuncio sui tassi di interesse, destinati a rimanere fermi nel range 1%-1,25%. La Banca Centrale americana presenterà anche le previsioni economiche trimestrale e alle 20.30 ora italiana avrà inizio la conferenza stampa del numero uno della Fed, Janet Yellen.
Prima dell'avvio degli scambi a Wall Street saranno diffusi i conti degli ultimi tre mesi di General Mills (NYSE: GIS - notizie) che per non deludere le attese dovrà centrare l'obiettivo di un utile per azione pari a 0,77 dollari.
Giovedì si conosceranno le nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero aumentare da 284mila a 300mila unità. Per l'indice Filadelfia Fed di settembre si stima un calo da 18,9 a 15 punti, mentre il Superindice di agosto è visto in progresso dello 0,2%, in frenata però rispetto allo 0,3% di luglio.
Venerdì i riflettori saranno puntati sul dato preliminare dell'indice PMI manifatturiero che a settembre dovrebbe aumentare da 52,8 a 53,2 punti, mentre l'indice PMI servizi è atteso invariato a 56 punti.
Da segnalare un discorso di John Williams, presidente della Fed di San Francisco, oltre al quale parlerà anche Robert Kaplan, a capo della Fed di Dallas, ma a prendere la parola sarà anche Esther George, numero uno della Fed di Kansas City.
I dati macro e gli eventi in Europa
In Europa domani si conoscerà la bilancia delle partite correnti che a luglio dovrebbe attestarsi a 22,3 miliardi di euro, rispetto ai 21,2 del mese precedente. In Germania sarà reso noto l'indice Zew che a settembre dovrebbe  aumentare da 10 a 12,7 punti. 
Mercoledì si guarderà nuovamente alla Germania dove saranno diffusi i prezzi alla produzione di agosto visti in salita dello 0,1% dopo lo 0,2% di luglio.
Giovedì in Europa sarà reso noto l'indice relativo alla fiducia dei consumatori che nella versione preliminare di settembre dovrebbe attestarsi a -1,5 punti, in linea con la lettura precedente.
In mattinata sarà diffuso il bollettino economico della BCE (Toronto: BCE-PRA.TO - notizie) , mentre nel primo pomeriggio è previsto un discorso del presidente Draghi.
Più ricca di eventi l'ultima seduta della settimana quando in Europa è atteso il dato preliminare dell'indice PMI composito di settembre che dovrebbe calare da 55,7 a 55,6 punti, mentre l'indice PMI manifatturiero è atteso in ribasso da 57,4 a 57,2 punti e l'indice PMI servizi dovrebbe rimanere invariato a 54,7 punti.
In Francia l'indice PMI manifatturiero nella versione preliminare di settembre è visto in discesa da 55,8 a 55,6 punti, mentre l'indice PMI servizi dovrebbe calare da 54,9 a 54,8 punti.
In Germania l'indice PMI manifatturiero è atteso in contrazione da 59,3 a 59 punti, mentre l'indice PMI servizi dovrebbe aumentare da 53,5 a 53,8 punti.
Un'ora dopo l'apertura delle Borse europee è previsto un discorso del presidente della BC, Mario Draghi, il quale in seguito parteciperà ad una tavola rotonda al Trinity College.
I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari
A Piazza Affari domani saranno diffusi i risultati del primo semestre di Irce (Milano: IRC.MI - notizie) e La Doria (Londra: 0F2Q.L - notizie) , mentre allo stesso appuntamento saranno chiamati mercoledì Intek Group, OVS, Softec e Tiscali (Londra: 0LLP.L - notizie) .
Da seguire sempre mercoledì i titoli del settore oil in vista del report sulle scorte strategiche Usa.
Giovedì presenteranno i conti del primo semestre Cad IT (Milano: CAD.MI - notizie) , Ceramiche Ricchetti, Conafi Prestitò, Fullsix (Berlino: 1106692.BE - notizie) e Neurosoft.
Infine, venerdì a presentare i numeri della prima metà dell'anno saranno Enertronica e Juventus FC.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.