-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 25 settembre 2017

Bond oggi: famolo strano! Quota sotto 90 l’indicizzato all’oil

 
Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) mondo delle obbligazioni c’è di tutto e in particolare nell’ambito delle cosiddette strutturate. Durante le ultime sedute si è rivisto movimento su Tlx per un bond molto particolare, indicizzato all’S&P GSCI Crude Oil Index Excess Return, che permette di ottenere un’esposizione priva di leva ai contratti future sul West Texas Intermediate (WTI), replicando quindi l’andamento degli investimenti nel mercato petrolifero. Emesso da Goldman Sachs (NYSE: GS-PB - notizie) , ha un’ossatura abbastanza complessa.
Pagherà a certe condizioni
Queste le sue caratteristiche: valuta dollaro Usa, scadenza 19/5/2022, tasso misto, con tre cedole annuali lorde del 2,2% pagabili il 19 maggio di ogni anno fino al 2018; poi quattro cedole annuali lorde del 5% versate il 19 maggio di ogni anno, dal 2019 fino al 2022, a patto che si verifichi la condizione di seguito precisata, perché altrimenti non sarà corrisposta alcuna cedola, importo 150 milioni di Usd, taglio minimo 2.000 Usd e Isin XS1210360456. Qual è la condizione? Che l’indice di riferimento S&P GSCI Crude Oil ER alla data di ogni rilevazione (13/5/2019 – 12/5/2020 – 12/5/2021 e 12/5/2022) sia maggiore o uguale al 105% dello stesso indice alla data di rilevazione iniziale, ovvero il 19/5/2015. Da una nostra analisi risulta che muovesse allora sui 296 punti, mentre venerdì ha chiuso a 150,8 punti. Quindi nettamente sotto.
E allora che interesse ha?
Sostanzialmente tre fattori lo rendono attraente: l’attuale forte debolezza del petrolio; le potenzialità di un rimbalzo del dollaro sull’euro; la quotazione nettamente sotto la pari, anzi sotto 90. Venerdì ha chiuso sugli 89,7 $, sebbene il “book” evidenziasse uno “spread” ampio, dovuto solo a transazioni riferite a ridotti importi, a causa del fatto che il “liquidity provider” non è attualmente attivo. Negli ultimi tempi la volatilità del bond è risultata ridotta (quotazione minima dell’anno a 86,2 e massima a 93,7 $), ma in presenza di rimbalzi del petrolio potrebbe aumentare notevolmente. Acquistato alle condizioni attuali garantisce un rendimento nominale del 2,2% fino al prossimo 19 maggio, per poi assicurare comunque circa un 2,5% annuo nella fase successiva fino al rimborso, grazie alla sola plusvalenza riferita alla differenza fra prezzo di acquisto e prezzo di rimborso a 100. Se invece si verificasse la condizione prevista la cedola salirebbe al 5%. In un quadro piuttosto incerto quale l’attuale, soprattutto in chiave di tassi, la proposta di Goldman Sachs merita quanto meno un po’ di attenzione sia da chi operi in trading sia dai cassettisti. Decisivo naturalmente il prezzo di carico. Che la battaglia inizi quindi per acquistarlo al meglio possibile!

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.