-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 15 settembre 2017

Asia-Pacific contrastata ma il Nikkei 225 guadagna lo 0,52%


Dopo il contrastato giovedì di Wall Street (il Dow Jones Industrial Average ha segnato nuovi massimi, ma S&P 500 e Nasdaq hanno chiuso in flessione), alla riapertura degli scambi in Asia la Corea del Nord torna a rubare la scena, anche se gli investitori sembrano meno sensibili alle ormai periodiche provocazioni di Pyongyang, che ha lanciato un altro missile sopra al Giappone.
Non a caso la piazza di Tokyo segna un netto recupero dopo le perdite segnate giovedì: il Nikkei 225 guadagna infatti lo 0,52% (fa peggio l'indice più ampio Topix, apprezzatosi comunque dello 0,42%). Giornata contrastata che riflette anche l'andamento altalenante dello yen, in declino dello 0,20% dopo avere toccato un progresso dello 0,60% sul biglietto verde.

Il Bloomberg Dollar Spot Index, paniere che monitora la divisa Usa nei confronti delle altre dieci principali monete, è in marginale flessione dopo la perdita dello 0,60% della precedente sessione. Sul fronte macroeconomico, prima frenata in quattro mesi per la fiducia delle aziende manifatturiere del Giappone: il Reuters Tankan, indice che anticipa l'omonimo sondaggio trimestrale della Bank of Japan (BoJ), è infatti calato in settembre a 25 punti dai 27 punti registrati in agosto, che erano il livello più elevato dall'agosto 2007, prima dello scoppio della crisi finanziaria.

Anche a Seoul le nuove provocazioni di Pyongyang non sortiscono grandi effetti ed è superiore allo 0,20% l'apprezzamento del Kospi.
Sul fronte delle materie prime il petrolio torna a perdere terreno dopo il balzo superiore all'1% di giovedì (quando si era affacciato sopra i 50 dollari il barile), mentre l'oro è sostanzialmente invariato.
A Sydney i colossi minerari Bhp Billiton e Rio Tinto perdono oltre il 2% mentre è superiore al 4% il declino di Fortescue Metals Group: il quarto maggiore produttore al mondo di minerale di ferro ha comunicato che il chief executive Nev Power lascerà l'incarico dopo sette anni. E alla fine è dello 0,76% il calo dell'S&P/ASX 200, che segna la peggiore performance tra i principali indici dell'Asia-Pacific.

A circa un'ora dallo stop alle contrattazioni, lo Shanghai Composite è in declino di circa lo 0,60% mentre Shanghai Shenzhen Csi 300 si muove appena sotto la parità. In negativo di circa lo 0,30% invece lo Shenzhen Composite. Seduta in ribasso anche per Hong Kong: l'Hang Seng è infatti in flessione di circa lo 0,10% (fa decisamente peggio l'Hang Seng China Enterprises Index, sottoindice di riferimento nell'ex colonia britannica per la Corporate China, in calo intorno allo 0,70%).
(RR - www.ftaonline.com)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.