-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 29 settembre 2017

Analisi crude oil

 
Analizzando l’oro nero dal lontano 1987 – quindi esattamente da 30 anni o 360 mesi – noteremo che lo stesso per ben 17 anni – a partire dall’agosto del 1987 e fino all’agosto del 2014 – si è mosso in un trading range oscillando da un massimo di 40$ al barile circa – top nell’ottobre del 1990, nel settembre del 2001 e nel febbraio del 2003 – ad un minimo di circa 10$ al barile – bottom ad ottobre del 1988 e a dicembre del 1998.
Osservare il grafico:
La fuori uscita del range ha sprigionato tutta l’energia che lo stesso aveva accumulato nel tempo, e il rialzo non si è affatto attendere, visto che in soli 4 anni, il prezzo è schizzato verso l’alto segnando il massimo storico a 147,28$ al barile nel luglio del 2008 e andando ad intercettare alla perfezione l’angolo 1×1 mensile che partiva dal massimo dell’ottobre del 1990 al prezzo di 41,15$ e passante a luglio del 2008 – dopo 213 mesi solari – a 147,65$ – fatto appunto a 147,28$.
Osservare il grafico:
Il top fatto sull’angolo della Gann-Theory e il fatto che ogni 10 anni dal punto di vista ciclico il Crude Oil segna un minimo di una certa rilevanza – basti pensare al bottom dell’ottobre del 1988 a 12,28$ e a quello del dicembre del 1998 al prezzo di 10,35$ al barile – unito allo scoppio della crisi finanziaria con i mutui subprime e il successivo fallimento della Lehman Brtohers, ha innescato una pesante caduta che ha riportato il prezzo a 32,40$ nel dicembre dello stesso anno del top storico di sempre.
Osservare il grafico:
La successiva ripresa grazie alla scadenza ciclica sopra mostrata, ha fatto rimbalzare il prezzo dell’oro nero riportandolo all’incirca attorno ai 111$ al barile – numero particolare – ma la rottura dell’angolo 1×1 o angolo “0” tracciato dal livello “0” di prezzo in corrispondenza del minimo più basso degli ultimi 30 anni e cioè quello del dicembre del 1998 di 10,35$ al barile bucato nella forte caduta di fine 2008 ma con conseguente rientro, avvenuta ad agosto del 2014 – ancora a 10 anni dal 2004 quando il prezzo ruppe al rialzo il trading range sopra descritto – ha fatto precipitare il prezzo per un bottom a 26$ circa segnato tra gennaio e febbraio del 2016 esattamente a 90 mesi solari – ciclo primario della Gann-Theory – dal top storico di sempre del luglio del 2008.
Osservare il grafico:
Attualmente la tenuta dell’angolo 1×1 giornaliero che sale dal minimo dell’11 febbraio 2016 di 26,05$ al barile sostiene il trend di breve/medio che presenta target attorno ai 60,45$ al barile da farsi tra fine dicembre del 2017 e inizio gennaio del 2018.
Prossima settimana forte setup a 600 giorni – numero biblico – dal bottom corrispondente a 14400 ore solari ovvero 100 volte il quadrato perfetto di 144.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.