-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 4 settembre 2017

3 azioni energetiche che riscuotono un Buy


Il prezzo del greggio continua a essere più incerto del previsto in un settore altrettanto volatile. Ma per gli analisti di The Motley Fool ci sono 3 azioni degne di un buy.

US Silica Holdings (NYSE: SLCA)

Tyler Crowe consiglia US Silica Holdings perchè guardando il prezzo delle azioni si nota come da maggio dello scorso anno, periodo in cui l'attività di perforazione ha toccato i minimi, le attività del gruppo siano salite.

Oggi, tuttavia, i risultati trimestrali della società mostrano che sebbene le vendite siano aumentate drasticamente nel corso dell'ultimo anno, il titolo è sceso ai livelli più bassi, paradossalmente proprio nel momento in cui il settore è in ripresa. A questo si aggiunga il fatto che ad azioni sottovalutate si uniscono anche fondamentali in sostanziale miglioramento nell'ultimo anno, maggiore liquidità, aumento dei contratti a lungo termine e soprattutto uso di tecnologie più avanzate.

Pioneer Natural Resources (NYSE: PXD)

Grazie alal sua presenza nel bacino di Permiano, fote di primaria importanza nel segmento dello scisto Usa, le azioni hanno raddoppiato negli ultimi 5 anni, nonostante la crisi del greggio.

La maggior parte di questi guadagni, tuttavia, sono stati spazzati via negli ultimi mesi dopo che i vertici hanno permesso al pubblicazione di linee guida sottotono per ciascuno dei primi due trimestri del 2017 dettati più che altro da alcuni ritardi nelle attività di perforazione. Per questo motivo le previsioni sul raggiungimento del target della produzione produzione hanno decretato un calo del 15-18% per la fine del 2017 mentre in parallelo si è pensato a una calo anche della produzione totale di petrolio.

Proprio quest'ultimo fattore ha fatto credere che i pozzi della società stessero producendo a livelli inferiori, con conseguente calo anche per i guadagni. Nella realtà dei fatti, però, la società ha invece toccato tutti i target previsti. Un equivoco che ha creato un'ottima finestra per chi volesse entrare e investire sul titolo


ENSCO ( NYSE: ESV)

Jason Hall preferisce ENSCO PLC.
Per quanto il 2016 sarà ricordato come il quarto anno consecutivo della diminuzione dell'attività di perforazione in mare aperto, secondo l'esperto, alla fine la domanda di petrolio e gas offshore si riprenderà. Ci sono già alcuni segni di un recupero, sebbene non è da escludere che proprio la crisi porterà a un calo delle aziende nel settore, ormai decimato.

Proprio per questo investire in ENSCO, soprattutto dopo l'acquisizione di Atwood Oceanics, Inc che regalerà un nuova flotta di navi di alta qualità, potrebbe essere una strategia che ripagherà nel momento in cui, nei prossimi due anni, la siuazione del settore si dovrebbe stabilizzare. Intanto i 3 miliardi di dollari derivanti dai contratti e i 4 miliardi di dollari di liquidità dovrebbero essere un buon ammortizzatore.


Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.