-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 28 agosto 2017

Telecom stoppa il calo. Broker sempre bullish dopo nuovi rumors


Con quella odierna si è interrotta la lunga serie di sessioni negative, salite a 7 con quella di venerdì scorso, per Telecom Italia. Il titolo, dopo aver archiviato l'ultima seduta della scorsa settimana con un calo di circa lo 0,2%, quest'oggi è riuscito a ritrovare il segno più, mostrando una maggiore forza relativa rispetto al mercato.
Telecom Italia si è fermato a 0,814 euro, a poca distanza dai massimi intraday, con un rialzo dello 0,43% e bassi volumi di scambio visto che a fine sessione sono transitate sul mercato quasi 40 milioni di azioni, poco più della metà della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 72 milioni di pezzi.

La strategia del Governo sul golden power

Telecom Italia resta sotto i riflettori dopo che nella riunione di venerdì scorso il comitato tecnico del Governo non è approdato ad alcuna conclusione sul golden power ed è probabile che un nuovo incontro si svolga nel corso di questa settimana.


Milano Finanza scrive oggi che i tecnici del Governo riconoscono a Sparkle la qualità di asset strategico, ribadendo quindi che Vivendi avrebbe dovuto notificare all'esecutivo il suo controllo di fatto sull'ex monopolista italiano.
Stando a quanto riportato da altre fonti di stampa e precisamente dal Sole 24 Ore, il gruppo di coordinamento, chiamato a delineare la posizione del Governo sul tema del golden power, intenderebbe portare avanti la tesi secondo cui esisteva un obbligo di notifica da parte di Vivendi, e che il Governo debba esprimersi non solo in relazione a Sparkle, ma anche relativamente agli asset tlc.

La view di Equita SIM

Gli analisti di Equita SIM segnalano che qualora venisse riconosciuta l’omessa notifica di Vivendi, l'Esecutivo potrebbe intervenire con una sanzione amministrativa fino all’1% dei ricavi di gruppo, e, in caso di esercizio del golden power, con prescrizioni e/o condizioni, che possono arrivare fino all’obbligo di cedere Sparkle o valutare lo scorporo della rete.

Nel primo caso è importante che sia garantito a Telecom Italia di poter cedere eventualmente l’asset alle migliori condizioni di mercato. 
Non subisce alcuna modifica la strategia bullish di Equita SIM su Telecom Italia che resta un titolo da acquistare con un prezzo obiettivo a 1,26 euro.

Le indicazioni di Bca Akros

A puntare sulle azioni dell'ex monopolista italiano è anche Banca Akros che suggerisce di accumularle in portafoglio con un target price a 1,15 euro.

Secondo gli analisti l'obiettivo del Governo è di forzare una cessione di Sparkle ad un investitore italiano, idealmente Cassa Depositi e Prestiti. L'idea è che Vivendi alla fine accetterà questa soluzione di compromesso, visto che l'asset non è molto legato alla strategia annunciata dal gruppo francese nel mercato italiano.

Mediobanca: i fondamentali del gruppo sono solidi

Mediobanca Securities si aspetta che i colloqui concreti partiranno nelle prossime settimane e in attesa di ciò ribadisce che il newsflow corrente sta distogliendo l'attenzione dai fondamentali di Telecom Italia che si confermano solidi.

Gli analisti segnalano che il business domestico del gruppo scambia ad uno sconto di circa il 30% rispetto ai competitors e questo gap potrebbe salire fino al 50% in caso di spin-off della rete. Anche per questo motivo Mediobanca continua a puntare su Telecom Italia, mantenendo invariato il suo rating "outperform", con un fair value a 1,34 euro.  
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.