-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 29 agosto 2017

Sbatti le FAANG in prima pagina: grandi manovre e qualche dolore


L'espressione FANG per riferirsi ai colossi che dominano il settore dei tecnologici americani lo inventò qualche anno fa Jim Cramer -  ex gestore di hedge fund, fondatore del sito finanziario The Street, e ora seguitissimo guru degli investimenti con il suo programma Mad Money dai canali del network CNBC.
L'acronimo originario includeva Facebook, Amazon, Netflix e Google, ma si è allungato successivamente con l'inserimento di Apple, che l'ha trasformato in FAANG. La piccola modifica non ha cambiato però la sostanza: i cinque titoli del gruppo rappresentano da tempo alcune delle migliori storie di crescita e innovazione tra i titoli del mercato azionario.

E non per nulla continuano a catalizzare quotidianamente l'attenzione del mercato. Ecco le novità delle ultime ore.

Amazon

Grandi manovre in casa Amazon. Il colosso del commercio virtuale ha fatto sentire sin dalle prime ore il suo ruolo di nuovo proprietario del gruppo di cibi bio Whole Foods Market, con cui promette modificare a fondo il rapporto dei consumatori con gli acquisti di prodotti alimentari.
Per cominciare la sua nuova avventura nel mercato della grande distribuzione food, la società di Bezos ha infatti tagliato i prezzi di quasi il 43% mettendo in bella evidenza su tutti gli articoli con i prezzi ribassati la nuova etichetta “Whole Foods + Amazon” (avocado da 2,79 a 1,99 dollari, pollo di rosticceria da 13,99 a 9,99 dollari e alcune varietà di banana da 79 a 49 centesimi).

“I prezzi erano la più grande barriera per i clienti di Whole Foods," ha dichiarato Mark Baum, senior vice president del Food Marketing Institute, secondo cui Amazon "ha dimostrato che è disposto a investire per dominare i segmenti in cui decide di competere". 

Apple

Si è guadagnato nelle ultime 24 ore le prime pagine dei giornali di tutto il mondo anche Apple, fresco delle indiscrezioni secondo cui è già in calendario per il prossimo 12 settembre l'attesa presentazione dell'iPhone del decimo anniversario, l'ottavo della serie.

A darne notizia per primo è stato il Wall Street Journal, secondo cui l'azienda di Cupertino ha già programmato un evento per il lancio di tre nuovi modelli di iPhone - oltre a quello nuovo, che avrà secondo le stime un prezzo record di oltre 1000 dollari, arriveranno due aggiornamenti dell'iPhone 7 - ma anche dell'Apple Watch Series 3 e di una versione 4K della Apple TV.
Tutti gli occhi saranno però ovviamente puntati soprattutto sul nuovo melafonino, caricato delle attese negli ultimi mesi per le continue voci su importanti novità: tra gli altri, il display Oled, un nuovo strumento della ricarica wireless e un sensore 3d per il riconoscimento facciale, che consentirà di sbloccare il cellulare semplicemente guardandolo.

La data suggerita dal WSJ rispetterebbe tra l'altro la tradizione della società di effettuare nel primo mese d'autunno i lanci dei nuovi prodotti, oltre che a rassicurare gli analisti di mercato, che prospettavano da tempo la possibilità di un ritardo quest'anno per via di alcuni problemi alle forniture.
All'inizio del mese il titolo si è spinto verso nuovi massimi storici dopo che la società ha riportato per il suo terzo trimestre fiscali superiori ai pronostici degli analisti, ma ha soprattutto alzato la guidance sui ricavi dell'esercizio proprio sulla base di un rafforzamento dell'outlook sulle vendite del nuovo iPhone.

Google

Giornata meno allegra al contrario per la piattaforma di ricerca più famosa del web.

Google-Alphabet, alle prese con l'accusa dell'UE di aver manipolato le ricerche del proprio motore e abusato della propria posizione di mercato per favorire il suo servizio di shopping online, dovrà infatti presentare entro oggi a Bruxelles un piano dettagliato su come intende cambiare la gestione di Google Shopping per evitare una sanzione multimiliardaria.
L'UE ha concesso ad Alphabet Inc. 60 giorni per dire come intende “frenare i contenuti illegali” e 90 giorni per adottare i cambiamenti: se il colosso di Mountain View non riuscirà a trovare una soluzione nelle prossime settimane (il termine per il piano di adeguamento alle richieste è il 28 settembre), potrebbe arrivare già prima di dicembre una sanzione che si prospetta da record (fino a 2,4 miliardi di euro).

Nel frattempo, sono ancora in sospeso le indagini parallele per abuso di posizione dominante e pratiche di ostacolo alla concorrenza che riguardano la piattaforma di advertising Adsense e Android: il dossier sulle pratiche scorrette di Big G rispetto al suo sistema operativo per mobile è aperto già da un anno a Bruxelles a seguito di una denuncia presentata da FairSearch - un gruppo lobbistico di settore che ha alle spalle colossi come Kayak, Expedia, TripAdvisor e Microsoft - e secondo recenti rumors di stampa i provvedimenti contro Google Shopping potrebbero essere solo l'anticamera di una batosta ancora peggiore in arrivo.

Facebook

Un segnale forse da non sottovalutare è arrivato infine anche dai corridoi di Facebook, di cui nell'ultimo periodo gli analisti hanno evidenziato una certa difficoltà a fare presa sui millennials, sempre più propensi a scegliere alternative più "giovanili" al re dei social media.

E' stata diffusa in queste ore infatti la notizia dell'addio alla società di Zuckerberg del 21enne Michael Sayman, ex enfant prodige entrato nel gruppo FB quando aveva 17 anni con il compito di aiutare i manager del social media a capire come i ragazzi della sua generazione usano gli smarthphone dando consigli su nuovi prodotti per i teenager. Con lo stesso ruolo, Sayman passa ora alla concorrenza di Google, dove è in pieno svolgimento la guerra per gli assistenti vocali con l'Alexa di Amazon e il Siri di Apple è in pieno svolgimento.

Segno dei tempi: la notizia del suo passaggio di scuderia arriva proprio mentre Mark Zuckerberg comunica la nascita della sua secondogenita, Priscilla. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.